giovedì 22 giugno 2017

Novità librose #29: GIUGNO 2017


Buon giovedì cari lettori! 😊😊
Siamo quasi a fine giugno e le uscite librose sono sempre numerose quindi... ecco a voi una scorpacciata di libri da segnarvi in agenda! 


_______________________________________________________________



Uscite GARZANTI

Data uscita: 15 giugno
È una splendida serata estiva in un quartiere di Houston. E a casa Whitaker tutto è tranquillo. Finché qualcuno non bussa alla porta. Sulla soglia compare una ragazza con grandi occhi blu e lunghi capelli biondi. È a piedi nudi. Ha il viso pallido, segnato dalla stanchezza. Ad Anna, però, quel viso è familiare. Non appena allunga le braccia per sorreggerla, ne è certa: è sua figlia Julie, scomparsa otto anni prima. Quella figlia che non vedeva l’ora di riabbracciare è finalmente tornata a casa sana e salva.
Ma i dubbi non tardano ad arrivare e ben presto si fanno sempre più insistenti. Anna vorrebbe ignorarli. E invece l’accompagnano ovunque. Con quale coraggio osa solo pensare che quella ragazza spaventata non sia veramente sua figlia? Da madre attenta e premurosa, non può permettere che la minima incertezza faccia vacillare il suo cuore. Eppure c’è qualcosa di diverso in Julie. Piccoli dettagli e comportamenti che non le ricordano sua figlia. E allora Anna non può fare a meno di chiedersi se sia la verità quella che la ragazza racconta o sia tutta una montatura. Di domandarsi come mai salti le sedute dal terapista. O cosa c’entri in tutta questa storia il ritrovamento del corpo di una giovane in una casa dall’altra parte della città.
Quando un investigatore privato la contatta dicendole di aver scoperto qualcosa, Anna non sa più cosa fare. E se Julie si stesse solo prendendo gioco di lei? Se non fosse veramente sua figlia? Anna non tarderà a scoprire che l’impossibile a volte è possibile. Perché non tutto è come sembra...

Data uscita: 22 giugno
Kitty, delusa dall'uomo che credeva essere l'amore della sua vita, ha preferito restare sola e circondarsi di pochi affetti sicuri. La sua unica vera gioia è una piccola libreria che ha aperto insieme all'amica del cuore Frieda. Ora, però, è un momento difficile per gli affari. Kitty lo sa bene, ma non ha intenzione di mollare. Eppure proprio adesso inizia a sognare di essere la bella Katharyn, una donna con un marito premuroso, tre splendidi figli per cui fa la mamma a tempo pieno, uno stuolo di amici. All'inizio Kitty sembra non dar troppo peso a questi sogni che la visitano quasi ogni notte. Ma più cresce l'incertezza su quel che sarà di lei, più si chiede se non sia arrivato il momento di una svolta. Forse non è un caso che la vita che sogna sia tanto diversa dalla sua. Adesso Kitty non dovrà far altro che ascoltare il suo cuore e capire quali sono i suoi reali desideri.




martedì 20 giugno 2017

Recensione: Tutta colpa della mia impazienza (e di un fiore appena sbocciato) - di Virginia Bramati

Buon martedì cari lettori! 😊😊
Come procedono le vostre letture? Le mie vanno piuttosto bene, tanto di tempo per leggere bene o male ne ho.
Sono in attesa del parto (che dovrebbe essere questa settimana), e posso dire che questa è l'attesa più lunga della mia vita!
Ogni mattina mi sveglio chiedendomi se il giorno successivo sarà il GRANDE giorno, o se lo sarà la notte stessa.
Io poi, come la protagonista del libro qui sotto, pazienza non ne ho granché, quindi immaginate che ansia!
Diciamo che ho scelto il romanzo giusto da leggere in questo periodo!!😄



Trama
Il nuovo romanzo di Virginia Bramati, che racconta di Agnese, l'adorabile protagonista a cui improvvisamente muore la madre, e che si ritrova a fare i conti con i ritmi lenti della campagna, sullo sfondo di una Brianza sorprendente e rigogliosa, non lontano dal magico borgo di Verate che le sue lettrici hanno imparato ad amare. Agnese è una ragazza esuberante, autonoma, insofferente verso tutto ciò che frena la sua corsa, ma improvvisamente, la vita prende una piega terribilmente dolorosa e si ritrova scaraventata dal centro di una metropoli che non dorme mai, in una grande casa lungo un fiume, immersa nei ritmi immutabili della campagna. Una grande casa in campagna. Una madre morta troppo presto. Un giovane medico dagli occhi buoni e misteriosi. E un'estate in cui tutto sta per cambiare. Pagina dopo pagina, scopriamo insieme ad Agnese la saggezza nascosta nei gesti semplici della cura dei fiori: perché la felicità è più vicina di quanto pensiamo, se solo sappiamo rallentare e guardarla negli occhi.





Agnese sta terminando l'ultimo anno di liceo e gli esami sono in vista ma suo padre, medico di base, dopo il dolore per la perdita della moglie decide di lasciare la casa di Milano per trasferirsi in campagna.
Per Agnese è un dramma: si ritrova a vivere in un paesino sperduto, in cui per arrivare a scuola deve impiegare ore, e la vita lì, non è poi così movimentata. O almeno è quello che crede.
A farle compagnia c'è Adelchi, un' eccentrico ragazzo della sua età che nasconde un carattere solare e gentile, con cui stringe una forte amicizia e un amore molto molto candido.
Sinché arriva il pieno dell'estate, gli esami incombono e suo padre decide di partire per una ricerca scientifica.

sabato 17 giugno 2017

Recensione: Cose che non voglio dimenticare - di Lara Avery

Buon sabato cari lettori! 😊😊
Oggi inizia ufficialmente il week end, e immagino che i più fortunati tra di voi siano già a pancia in sù sotto l'ombrellone! Quanto vi invidio!!!
Io mi devo limitare a leggere spaparanzata sul letto, seguendo il movimento del ventilatore in cerca di un po' d'aria. 😒
Beh, fortuna che almeno i libri che sto leggendo sono davvero belli!
Oggi in particolare vi vorrei parlare di "Le cose che non voglio dimenticare": l'ho ultimato qualche settimana fa ma solo ora riesco a postarvi la recensione... pronti a scoprire cosa ne penso?



Trama
Se stai leggendo queste parole, probabilmente ti stai chiedendo chi sei. Sei me, Samantha Agatha McCoy, in un futuro non troppo lontano. Sto scrivendo queste righe per te. Dicono che la mia memoria non sarà più la stessa, che comincerò a dimenticare le cose. Per questo ti scrivo. Per ricordare. Samantha aveva in testa un piano ben preciso. Per prima cosa vincere il campionato nazionale di dibattito, poi trasferirsi a New York e diventare un affermato avvocato per i diritti umani. E infine, ovviamente, conquistare Stuart Shah, il ragazzo di cui è pazza. Tra lei e i suoi progetti però si mette in mezzo la rara malattia genetica di cui è affetta e che poco alla volta; così dicono i medici; le porterà via la memoria e la salute. Ma tutto si può dire di Sammie tranne che sia una diciassettenne che si abbatte facilmente. A un destino tanto assurdo, infatti, decide di opporsi con tutte le sue forze. E lo fa nell'unico modo che conosce: scrivendo. In un diario assolutamente non convenzionale, indirizzato alla sua futura sé e ribattezzato Libro delle cose che non voglio dimenticare, inizia ad annotare tutti i momenti belli (e meno belli) della sua vita: dal riavvicinamento al suo più vecchio e caro amico ai mille modi che lui si inventa per farla ridere, al primo romanticissimo appuntamento con il suo grande amore. E poi, ancora, dalle persone che le hanno spezzato il cuore e quelle che glielo hanno "aggiustato". Perché se davvero lei dovrà andarsene presto, almeno lo farà con la consapevolezza di aver prima assaporato tutto ciò che la vita poteva regalarle.





Pensiamo sempre di avere tutta la vita davanti a noi, e che le cose più brutte di certo capiteranno ad altri. Poi, invece, il destino ci ricorda che non fa preferenze e che tutto può succedere.
Questo è ciò che accade anche a Samantha, la protagonista di questo romanzo. E' una ragazza che sta bene, ama la sua vita, eppure ad un certo punto le viene diagnosticata una malattia grave, che non lascia via di scampo: nel giro di qualche anno inizierà a perdere la memoria, a smarrire la cognizione di spazio e tempo, ad avere crisi di vario tipo ecc...
In definitiva la sua vita non sarà più come prima.

Ciò che caratterizza questa splendida ragazza è l'essere diversa in tutto e per tutto dalle sue coetanee. Samantha pensa con la propria testa, non segue la massa o le ideologie comuni.
Alle feste si sente un pesce fuor d'acqua, preferisce leggere che fare pettegolezzi e ha un'inguaribile determinazione a vivere appieno ogni singolo momento di vita che le è stata donata.
Ha un obbiettivo da raggiungere: andare al college a New York, e la malattia dovrà farsene una ragione, perché lei non intendente scendere a compromessi.

Non mi sto illudendo: so di essere malata. 
Ma non mi comporterò come se dovessi essere già spacciata.

mercoledì 14 giugno 2017

Porta Pannolini - Tutorial

Buon mercoledì a tutti!!
Oggi sul Blog lascio spazio al cucito creativo, e vi mostro il primo porta pannolini che abbia mai cucito!
Sono partita con l'idea che sia una cosa praticamente fondamentale di cui avrò bisogno da questo mese fino a... e chi lo sa? Un anno, forse due?
Se poi arriva un altro pargolo non vedo più la fine!! 😂

Ho quindi cercato di capire come poter mettere insieme tutti i pezzi per comporlo: sul web e pinterest ho trovato tante idee, bei modelli e brevi post con le misure e poi? Poi nulla! Ho letto alcune spiegazioni veloci ma non ci ho capito niente!
Alla fine ho tagliato la stoffa come da misure e ho trovato il modo di assemblarle tutto da sola. Ovviamente mettendonci ore ed ore e disfando non so quante volte.
Ma alla fine ce l'ho fatta, ed è con grande soddisfazione che ora vi posto le foto del risultato...















Vista la difficoltà nel fare questo lavoro ho quindi deciso di riportare un piccolo tutorial per chi stesse girando sul web alla ricerca di spiegazioni.
Spero di essere stata abbastanza chiara, ma se qualcuno avesse bisogno di chiarimenti, io sono qui: basta scrivermi!






lunedì 12 giugno 2017

Recensione: Il segreto di Black Rabbit Hall - di Eve Chase

Buon lunedì cari lettori!! Com'è andato il vostro week end??
Come promesso nei precedenti post oggi vi parlerò del romanzo "Il segreto di Black Rabbit Hall": una lettura che mi ha piacevolmento coinvolto, e una storia che qualcuno ha definito "gotica", ma che secondo me proprio così non è.
Rimane comunque un libro che consiglio! 😉


Trama
Amber Alton sa che il tempo scorre in modo diverso a Black Rabbit Hall, la grande casa di famiglia dove lei, il suo gemello Toby, i piccoli Kitty e Barnes trascorrono le estati e le vacanze. Vacanze all'insegna della libertà, delle corse scalzi sulla spiaggia o tra i boschi. Il tempo a Black Rabbit Hall è immobile, eterno, nessuno fa caso agli orologi e sembra non accada mai nulla. Eppure una notte tempestosa qualcosa succede, qualcosa di terribile, e niente più è come prima. Sono passati oltre trent'anni quando Lorna arriva a Black Rabbit Hall, decisa a sposarsi in Cornovaglia, in una di quelle maestose e austere residenze che hanno il sapore di un'altra epoca. È un incontro col passato degli Alton, un'immersione totale, sconvolgente, nella stagione felice di una famiglia che sembra essersi dissolta tra le sale ormai fredde e umide, i soffitti crepati, le stanze polverose di quella grande casa. È tra quelle camere che Lorna scopre l'urgenza di capire cosa è accaduto a quei bambini e al tempo stesso di trovare risposte al proprio passato, disseppellendo ricordi e immagini della sua infanzia e della madre adottiva, scavando nei segreti che ancora segnano la sua famiglia. Con un romanzo intriso di atmosfere gotiche, Eve Chase ci conduce in un viaggio affascinante nel cuore di due donne, separate dai decenni eppure irrimediabilmente legate in un nodo di misteri e non detti che avvolge ogni pietra, ogni soglia, ogni gradino di Black Rabbit Hall.


Black Rabbit Hall è un'antica dimora inglese in cui il tempo pare essersi fermato.
Siamo negli anni '60, e durante le vacanze pasquali la famiglia Alton vi trascorre in tranquillità il proprio tempo.  Le risa di quattro bambini popolano le mura della grande casa, del bosco tutt'intorno e della piccola spiaggia privata.
Un sogno ad occhi aperti, l'apoteosi della calma e riservatezza, ma non per Amber, giovane adolescente che preferirebbe la routine di Londra e la compagnia delle sue amiche.
A rompere la tranquillità di quella vacanza è un'incidente che cambierà per sempre le vite dei fratelli Alton, dando il via ad una serie di eventi destinati a spezzare la famiglia.

Non si può camuffare la felicità nei bambini, Lorna lo sa per esperienza.
Quelli che ce l'hanno la possiedono fino in fondo. Brillano e splendono.
Ed è sospesa attorno a loro come un'aura dorata in ogni foto.

sabato 10 giugno 2017

Novità librose #28: GIUGNO 2017


Buon sabato lettori!
Primo giorno di novità librose che vedono l'uscita in libreria a giugno, quindi prendete appunti e segnatevi quello che più vi ispira! 😊😊


_______________________________________________________________


Uscite MONDADORI

Data uscita: 13 Giugno

Megan McKnight non è esattamente la più femminile e mondana delle ventenni di Dallas. A dirla proprio tutta, la moda non le interessa per niente, né le potrebbe importare meno il suo aspetto fisico. E, soprattutto, non ha la minima idea di come relazionarsi ai ragazzi della sua età. Fino a questo momento della sua vita, infatti, si è concentrata su altro. Lo studio, i cavalli e... il calcio. Il suo sogno, infatti, è entrare nella squadra Olimpica under 23, ma tra lei e questo ambizioso obiettivo si mette di mezzo la madre. La donna, nel tentativo di riacquistare un prestigio sociale ormai perduto, a sua insaputa la iscrive al Ballo delle debuttanti. Questo significa che tra un allenamento e una partita di calcio Megan dovrà trovare il tempo per lezioni di portamento e di ballo, serate di beneficenza e balli preparatori al Debutto in compagnia di promettenti e bellissimi ragazzi (e magari, perché no?, possibili fidanzati). Iniziato di malavoglia per accontentare la madre, questo "viaggio" in un mondo di formalità, lustrini e buone maniere sarà l'occasione per lei di fare esperienze mai pensate prima e di imparare ad andare oltre i pregiudizi...


Data uscita: 13 Giugno
Nevada. Sembra il nome di un deserto, e invece è il luogo in cui vive la famiglia De Boer, in alta val Brenta. Una terra circondata da boschi aspri, dove le case si inerpicano su pendii vertiginosi. Sono gli ultimi anni dell'Ottocento e i De Boer, che lavorano nei campi di tabacco, il pregiatissimo Nostrano del Brenta, vivono consapevoli che solo nella muta e rispettosa alleanza tra uomini e natura selvaggia esiste una possibilità di sopravvivenza.Augusto è il capofamiglia, un uomo taciturno, lavoratore instancabile, capace di ascoltare la voce dei boschi e il fischio del vento. Jole, la figlia maggiore, ha la stessa natura selvatica del padre e una sfrenata passione per i cavalli.
I proventi del tabacco però non sono sufficienti a far campare la famiglia con dignità. Ecco perché Augusto un giorno decide di tentare il viaggio oltre la frontiera austriaca per contrabbandare l'eccedenza del raccolto. Un cammino impervio attraverso sentieri e passaggi impraticabili, minacciato dalle bestie feroci, dagli agguati dei briganti e dalla sorveglianza dei finanzieri.
Jole ha quindici anni quando suo padre stabilisce che è giunto il momento di portarla con sé: qualcun altro deve conoscere la strada. Non passerà molto tempo prima che la ragazza si trovi a dover compiere il viaggio da sola.
Inoltrandosi con solenne lentezza in una natura maestosa, rifugio accogliente e poi, d'un tratto, trappola insidiosa, Jole cerca di portare al sicuro il suo prezioso carico e di capire cosa sia successo al padre, che tre anni prima non ha più fatto ritorno proprio da una spedizione in Austria.


venerdì 9 giugno 2017

Recensione: Non aspettare la notte - di Valentina D'urbano

Buon venerdì cari lettori!
Pronti per il week end?? 😊😊
Cosa state leggendo di bello in questo periodo? Io ho appena ultimato "Il segreto di Black Rabbit Hall", di cui troverete la recensione la settimana prossima.
Intanto vi lascio con il mio parere su un libro che aspettavo da tanto di poter leggere. Valentina d'Urbano è un'autrice che mi è piaciuta molto, motivo per il quale vorrei recuperare altri suoi libri!


Trama
Giugno 1994. Roma sta per affrontare un'altra estate di turisti e afa quando ad Angelica viene offerta una via di fuga: la grande villa in campagna di suo nonno, a Borgo Gallico. Lì potrà riposarsi dagli studi di giurisprudenza. E potrà continuare a nascondersi. Perché a soli vent'anni Angelica è segnata dalla vita non soltanto nell'animo ma anche su tutto il corpo. Dopo l'incidente d'auto in cui sua madre è morta, Angelica infatti, pur essendo bellissima, è coperta da cicatrici. Per questo indossa sempre abiti lunghi e un cappello a tesa larga. Ma nessuno può nascondersi per sempre. A scoprirla sarà Tommaso, un ragazzo di Borgo Gallico che la incrocia per caso e che non riesce più a dimenticarla. Anche se non la può vedere bene, perché Tommaso ha una malattia degenerativa agli occhi e sono sempre più i giorni neri dei momenti di luce. Ma non importa, perché Tommaso ha una Polaroid, con cui può immortalare anche le cose che sul momento non vede, così da poterle riguardare quando recupera la vista. In quelle foto, Angelica è bellissima, senza cicatrici, e Tommaso se ne innamora. E con il suo amore e la sua allegria la coinvolge, nonostante le ritrosie. Ma proprio quando sembra che sia possibile non aspettare la notte, la notte li travolge...




Angelica ha solo vent'anni eppure si porta appresso un pesante fardello.
A causa di una madre squilibrata è coperta di cicatrici su tutto il corpo, e vive cercando di nascondersi dagli occhi inquisitori della gente.
La sua non è una vita facile, ma l'agiatezza in cui è cresciuta le da privilegi che altrimenti non avrebbe: come una grande casa in Toscana di sua proprietà, in cui decide di passare l'estate in fuga dal caldo di Roma.

"La tua pelle... è rovinata, è vero. 
Non ti mentirò, non ti dirò che i tuoi segni non si notano. Perché sei una ragazza intelligente e lo sai pure tu che è la prima cosa che uno guarda, quando ti vede. 
Ma, Angelica, c'è altro nella vita.
C'è molto altro. E tu sei bella da morire."

mercoledì 7 giugno 2017

Blogtour "Puoi fidarti di me" di Susy Tomasiello 3° tappa: Estratti

Buon mercoledì cari lettori!!
Come ormai avrete notato il mio blog è diventato un posto fisso per i Blogtour dei libri di Susy Tomasiello, che ammiro moltissimo per l'incessante lavoro che fa nello scrivere un libro dopo l'altro.
Il mio è in fase di scrittura da dieci anni ma a questo punto non so se riporterà mai la parola "fine".
Quindi "Sì, Susy: invidio moltissimo questa tua grande capacità di scrivere fluidamente giorno dopo giorno!".😉

Ma veniamo al punto di oggi: ospitare la terza tappa del suo nuovo libro "Puoi fidarti di me", edito dalla Genesis Publishing.
Perciò, dopo aver letto l'Incipit nel blog Le passioni di Brully, in questa tappa troverete invece alcuni estratti.




lunedì 5 giugno 2017

Recensione: Leggimi tra vent'anni - di Giorgia Lanzilli

Buon lunedì cari lettori! 😊😊
Anche questa settimana inizia con una recensione: il mio parere su un libro che mi ha davvero toccato il cuore come pochi. La storia vera di una mamma come tante che ha però deciso di mettere per iscritto la sua esperienza dalla gravidanza, ai primi anni di vita dei suoi figli.
Un libro che mi ha attirato sin da subito, per cui ringrazio la casa editrice Mondadori per avermi inviato una copia digitale del testo, e che consiglio a tutti di leggere.
Che siate già mamme, che lo stiate per diventare o che vorreste esserlo in futuro, leggete questo libro!😉


Trama
Quando è diventata mamma, Giorgia Lanzilli ha iniziato a tenere in rete un diario per custodire e condividere le proprie esperienze, e l'incredibile valanga di nuove emozioni che ha travolto le sue giornate. Il senso di inadeguatezza, le gioie e le difficoltà quotidiane, la sfida di essere mamma senza smettere di cercare la realizzazione professionale: riflessioni in cui centinaia di migliaia di mamme si sono identificate, dimostrando, ogni giorno di più, gratitudine e affetto nei confronti di Giorgia, capace di dar voce alle loro emozioni più profonde. Finalmente, questo seguitissimo diario virtuale è diventato un libro, che ripercorre le tappe fondamentali del diventare mamma e accoglie tante nuove riflessioni. A rendere unico e speciale ciò che Giorgia scrive è la capacità di raccontare come la maternità - spesso percepita come un ostacolo all'autonomia e alla realizzazione femminile - sia piuttosto un'occasione straordinaria per conoscersi meglio e toccare i propri limiti, sensi di colpa e di inadeguatezza compresi, per scoprire in se stesse risorse che non si sospettava di possedere. E Giorgia ci dice che per poterlo fare occorre coraggio. Il coraggio di scrivere, mettendo a nudo i propri sentimenti, il coraggio di parlare di quei momenti oscuri e difficili che non sono fuori di noi, ma da noi provengono - una reazione eccessiva, una voce troppo alzata, quella goccia di irritazione che fa esplodere una giornata fatta di stanchezza - e proprio per questo sono così difficili da perdonare a noi stesse. Ma anche il coraggio di parlare di quell'amore che travolge, talmente intenso, talmente traboccante da fare persino male. E non ha paura di usare il linguaggio della dolcezza, della tenerezza, delle piccole cose di cui ogni giornata di una mamma è fatta dal momento in cui suo figlio vede il mondo per la prima volta, accanto a lei.

Immagino spesso come saranno i miei bambini tra vent'anni, 
cosa vedrò nei loro occhi, cosa penseranno di me.
E mi sono detta di dover scrivere loro ciò che provo adesso, 
perché rileggendomi da grandi possano capire quanto la loro vita ha reso preziosa, travolgente e straordinaria la mia.


Lo sanno tutti (o quasi): essere mamme non è mai facile.
La gravidanza è un periodo non proprio rosa e fiori: alcune donne non hanno praticamente nessun sintomo o problema, altre ne hanno sin troppi.
Ci sono le infinite visite mediche da fare, e la costante domanda che ci si continua a porre: "Sto facendo le cose fatte bene? Sarò una brava mamma?".
E poi via a mille pensieri, mille quesiti su come si dovrà gestire un bambino, quali saranno le scelte giuste da prendere nei suoi confronti, di quali bisogni avrà necessità ecc...
Un tunnel di domande infinite insomma.

Le mamme amano, in quella maniera così vertiginosa e assoluta da riuscire a riconoscere un sospiro nel buio, o un tono di voce diverso, o uno sguardo sfuggente.
Le mamme a volte inciampano, e cadono, e si colpevolizzano per le proprie scelte, 
ma mai smettono di amare, e di credere che quel bimbo, il loro bimbo, 
sia il loro grande capolavoro che merita, ogni giorno, il loro sorriso più vero.

giovedì 1 giugno 2017

Monthly Recap #4: Maggio 2017



Buon 1 giugno visitatori del Blog!
Oggi ritorna l'appuntamento con la rubrica "Monthly Recap", in cui vi farò un riassunto veloce di tutto quello che è stato pubblicato sul Blog nel mese appena finito!😉
Se vi siete persi qualcosa che reputate interessante, ora lo potete recuperare! 😉


Il riassunto di MAGGIO: