domenica 25 settembre 2016

Recensione: Pomodori verdi fritti al caffè di Whistle Stop - di Fannie Flag

Buona domenica cari lettori!!
Ho appena finito di leggere "Pomodori verdi fritti al caffè di Whistle stop" e non ho potuto resistere: dovevo scrivere subito una recensione!
Ci ho messo una vita prima di leggere un libro di questa famosissima e apprezzata autrice, ma infine ce l'ho fatta! Tutto merito di Nik de Gli Alberi da Libri che con la sua bellissima recensione mi ha costretto a recarmi in biblioteca e leggerlo una volta per tutte!
Grazie Nik!!! :D :D


TRAMA
Evelyn Couch è infelice. Ha quarantotto anni e si considera una donna delusa e insoddisfatta dal matrimonio e dalla vita. Poi un giorno, nel corso di una visita alla suocera ricoverata in casa di riposo, fa la conoscenza della signora Ninny Threadgoode: e davanti ai suoi occhi stanchi si spalanca un mondo nuovo. Il mondo di Whistle Stop, una comunità di emarginati, amabili sognatori e stravaganti che cinquant'anni prima la signora Threadgoode ha visto raccogliersi intorno al piccolo Caffè vicino alla stazione. A gestirlo è una singolare coppia al femminile composta dalla dolce Ruth e da Idgie, bisbetica e perennemente in lite con il mondo.
Il romanzo racconta di come il Caffè divenne l'unico locale in Alabama frequentato sia dai negri che dai membri del Ku Klux Klan; di come Bill Ferrovia, il bandito senza volto, continuò per anni a rubare cibo dai treni merci per donarli alle vittime della Grande Depressione; di come Idgie e Big George furono accusati e processati per omicidio...
Ma è soprattutto la storia di come Idgie, Ruth e gli altri personaggi che affollano i ricordi della signora Threadgoode riescano ad entrare nella vita di Evelyn. La forza della loro esistenza si trasmetterà alla donna, e l'esempio del calore e del mutuo rispetto che li hanno animati riuscirà a restituire un senso alla sua esistenza.
Evelyn è una donna insoddisfatta della propria vita. Ha quarantotto anni ma si sente già vecchia.
è una casalinga sposata con un uomo che non ama più e madre di due figli che non vede mai. La sua unica consolazione è il cibo: inghiotte una moltitudine di salatini, patatine, dolci, ciambelle, caramelle e chi più ne ha più ne metta!
Ogni domenica è costretta a recarsi nella casa di riposo in cui è ricoverata la suocera, ed è proprio qui che, seduta su una scomoda sedia di plastica a trangugiare l'ennesimo pacchetto di caramelle, Evelyn incontra la signora Nanny Threadgoode: un'ottantenne che attende il momento in cui passerà a miglior vita con il sorriso sulle labbra, soddisfatta della propria vita e una gran voglia di tornare a casa propria, a Whisle Stop.

Inizia a parlare ad Evelyn per caso, raccontandole di quando, da bambina, venne ospitata dalla famiglia Threadgoode, e di come ci rimase sino a quando sposò uno dei loro figli.
Nanny conduce Evelyn e il lettore stesso in una cittadina ferroviaria sul finire degli anni '20, quando in Alabama vi era ancora una forte distinzione razziale. Quando bianchi e neri entravano da porte diverse nei locali, non potevano sostare sulle stesse carrozze dei treni, nè frequentare alcuni luoghi pubblici.
Ma a Whistle Stop le cose erano diverse. Gli abitanti si lamentavano dei loro "negri" (così li chiamavano), però si premuravano di aiutarli e difenderli in caso di ingiustizie perchè definiti "i loro negri".

Jaspere aveva capito che il suo tempo era finito, proprio come era accaduto ai suoi vecchi amici che arruginivano negli scali ferroviari. 
Era un peccato, perchè aveva vissuto nell'unico modo che gli era sembrato possibile.
Ma aveva vissuto, e non si sentiva un fallito.


La vita di questa città ruota intorno ad un posto speciale: il Caffè di Whisle Stop, in cui la cuoca Sipsey e il figlio Big John preparano i più buoni pomodori verdi fritti e barbecue, che si siano mai assaggiati.
Le proprietarie, Idgie e Ruth, sono due donne l'una l'opposto dell'altra, eppure, da quando si sono incontrate la prima volta, hanno capito di amarsi e che il loro destino era stare insieme.
Entrambe accolgono i senzatetto nel loro caffè per sfamarli, hanno un grande rispetto per i loro amici di colore e grande spirito d'altruismo.

 "Non avevo mai visto nessuno soffrire così. Pensai che sarebbe morta sulla sua tomba. Spezzava il cuore solo a guardarla.
Ma non versò mai una sola lacrima. Era troppo addolorata per piangere.
Sa, un cuore si può spezzare, ma continua lostesso a battere."

Con un stile fresco e coinvolgente, Fannie Flagg ci porta in un'Alabama in cui violenza domestica, razzismo e ingiustizia, si fonde con persone altruisti e gentili, unite in una cominuità in cui tutti possono trovare il loro posto.
Ogni personaggio, anche il più piccolo, è discritto in maniera talmente vivida da colpire il cuore del lettore.
C'è Dot Weems che con il suo "Bollettino settimanale di Whistle Stop", elargisce informazioni e disavventure della sua "dolce metà" a tutti i cittadini, in modo assurdo e divertente; Sipsey, cuoca dal cuore grande, suo figlio Big John, eternamente devoto a Idgie e Ruth, e il figlio Artis che combatte con un'insano bisogno di violenza e riscatto.
Ho adorato il figlio di Ruth, Stump, che a causa di un incidente perde un braccio e deve affrontarne le conseguenze; Eva, procace bellezza che ama gli uomini e non ne fa mistero; Grady, lo sceriffo che all'apparenza fa parte del Ku Klux Clan ma che in realtà difende la gente di colore della sua città (ma nessuno deve saperlo!), e tanti altri protagonisti.
Ma al di sopra di tutto c'è Idgie, donna dal forte temperamente; un maschiaccio che farebbe qualsiasi cosa per la sua Ruth. Anche uccidere.

Con il suo racconto di vita vissuta e i ricordi di un tempo ormai passato, Nanny guarisce l'animo deluso di Evelyn. La sprona ad iniziare una nuova fase, a rimettersi in gioco e in forma.
Ad apprezzare e amare se stessa e la vita, in un mondo che cambia ogni giorno di più.

"Certe volte guardo la fotografica di Cleo e del piccolo Albert e mi domando che cosa stiano facendo, e sogno di poter tornare ai vecchi tempi."
Sorrise a Evelyn. 
"è di questo che vivo adesso, tesoro. Di sogni, sogni del passato."


Voto: 3/4 Molto bello















25 commenti:

  1. Ciao Jasmine,
    per quanto il titolo lasci intendere un tema quasi divertente, poi invece da quello che dici si parla anche di cose serie e profonde. Come sempre sentita e precisa la tua recenzione, però devo dire che questa volta passo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao susy! Dalla copertina sembra un libro poco impegnativo, quasi da spiaggia. Invece racchiudere storie di vita intense e che mi hanno fatto commuovere :)

      Elimina
  2. Ciao Jasmine, che bella recensione! Ho letto anch'io questo romanzo il mese scorso, perciò ne ho ancora un ricordo molto vivido. Pure io ho apprezzato veramente tanto questa lettura, che avevo scoperto proprio grazie ai blog :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ariel!! È vero.. Mi ero scordata che l'avevi letto anche tu!!
      Una bellissima scoperta questo libro! Hi già in lista anche quelli scritti successivamente dalla flagg! :)

      Elimina
  3. Ciao Jasmine! Dalla tua recensione sembra davvero un libro intenso..lo aggiungo subito in wishlist :)
    Buona domenica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria! Fai benissimo ad aggiungerlo in lista!! :) :)

      Elimina
  4. Fannie Flagg è sempre una garanzia! Non ho ancora letto questo romanzo, nello specifico, ma leggendoti mi hai fatto venire una voglia matta di correre in libreria! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Anna, allora devi proprio correre in libreria, perchè questo libro merita di essere acquistato!!
      Senza contare la bellissima copertina colorata!! :)

      Elimina
  5. Ciao Jasmine:), sono una nuova iscritta al tuo blog! Ma lo sai che dove abito io c'è un ristorante che si chiama proprio "pomodori verdi fritti"? Ok, non c'entra niente, ma mi è venuto subito in mente LoL. La copertina del libro non fa pensare ad una trama così profonda. Non so se lo aggiungerò alla mia WL, di solito affronto temi un po' più "leggeri"^^
    Perché non passi da me?
    http://passioneperlerighe.blogspot.it/
    Mi farebbe molto piacere <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nicky! Benvenuta! mi fa piacere averti qui! :)
      Forse quel ristorante si è proprio ispirato al libro visto che è stato scritto nel 1992 circa! e poi ci sta proprio bene come nome! :D :D
      Passo molto volentieri a visitare il tuo blog!! :)

      Elimina
  6. Wow Jasmine tu e Nik mi avete stra super convinta a leggere questo romanzo al piu' presto, colpita ed affondata! Spero di riuscirci prestissimo ❤️

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ely!!
      Devi leggerlo anche tu così poi ci dici se il consiglio meritava!!
      Noi ne siamo rimaste conquistate!!! :)

      Elimina
  7. Fannie Flagg è fantastica: non un suo libro mi ha delusa. Sono contenta che ora anche tu abbia iniziato a leggere i suoi libri. Dopo un po' diventa una sorta di dipendenza, ma positiva! Il problema è che la scrittrice è piuttosto anziana e mi mancano solo due libri: E poi come farò?????
    Ciao da Lea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah Lea, ti capisco: c'era un'altra autrice che adoravo... ho letto tutti i suoi libri ma era parecchio anziana ed è morta.
      Una disgrazia perchè non ho più potuto leggere nulla di suo!! :(
      Con la Flagg sono appena partita e conto di leggerli tutti!! Poi la Bur sta facendo delle copertine così invitanti... che mi fanno venire fame!!! :D :D

      Elimina
  8. Ciao Jasmine, non vedo l' ora di leggerlo ;), spero al più presto =).
    A presto
    Ella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ella!!!
      Allora conto di leggere presto una tua recensione!! ;)
      Un abbraccio!

      Elimina
  9. Oh che bello che ti è piaciuto!!! Mi fa davvero felice saperlo ;):)
    Allora il prossimo step, il film?!?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nik!!! Il film?? certo che sì!!! devo trovarlo al più presto e recuperarlo!! ancora mi chiedo: come ho fatto a leggere solo adesso un libro così conosciuto??!! :o

      Elimina
  10. ok io vado controcorrente. Non amo la Flagg, proprio il suo stile, mi annoia. Ho letto questo qualche anno fa e all'inizio di quest'anno Voli acrobatici e pattini a rotelle. Belle le storie e le ambientazioni ma io non ho feeling con lei

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nooo Chiara!! Davvero?? A me ha fatto anche commuovere in alcuni punti..
      va bè dai, non possiamo mica avere tutti gli stessi gusti, no?
      Sono certa che troveremo qualche altra lettura in comune! ;)
      Un abbraccio!

      Elimina
  11. Ciao Jasmine! Non avevo mai sentito parlare di questo libro e il titolo mi incuriosisce! Grazie alla tua recensione l'ho scoperto e magari più avanti ci farò un pensierino =)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Avid!! Spero avrai modo di farti conquistare anche tu dagli abitanti di whistle stop! La loro storia merita di esser letta! ;)

      Elimina
  12. Titolo curioso, ne ho sentito parlare bene ma non l'ho mai letto.. magari è il momento :)
    Ciao Jasmine! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara!
      Io ho scoperto questa autrice tardi, ma ho deciso di rimediare e leggere tutto quel che mi riesce di suo!
      Questo dicono sia il migliore tra quelli da lei scritti! ;)
      Un abbraccio! :)

      Elimina

Questo blog vive grazie a voi lettori, che seguite e leggete i miei post.
Lasciate un commento e mi renderete felice! :)