lunedì 12 settembre 2016

Recensione: La ladra della Primavera - di Marina Fiorato

Buongiorno cari lettori!
Ci è voluto un bel po' ma in questi giorni sono tornata a sprofondare tra le pagine di un genere di libro che non leggevo da molto tempo: un romanzo storico.
Il libro, e soprattutto l'autrice americana ma dal nome italiano che mi hanno fatto compagnia, sono stati una bellissima scoperta, trascinandomi nell'Italia del 1400, tra peripezie per svelare un enigmatico mistero e tante avventure!
Il suo secondo libro, "La gemma di Siena", è già tra le mie prossime letture! ;)


TRAMA
Firenze, 1482. L'affascinante cortigiana Luciana Vetra è furiosa: fare da modella per il grande pittore Sandro Botticelli doveva essere la sua grande occasione, invece lui non soltanto si è rifiutato di pagarla, ma dopo un violento litigio l'ha addirittura cacciata dal suo studio. Per vendicarsi dell'affronto, la giovane ruba uno dei disegni preparatori del dipinto - una grande tavola che avrà come titolo la Primavera - senza immaginare che quel gesto impulsivo e dettato dall'orgoglio le sconvolgerà la vita. Ben presto, infatti, Luciana si accorge di essere diventata l'obiettivo di un gruppo di uomini potenti e senza scrupoli, disposti a tutto - anche a uccidere - pur di recuperare il prezioso disegno. Disperata, la ragazza chiede asilo presso la basilica di Santa Croce e viene accolta da Guido, un novizio che, incantato dalla sua bellezza, decide di aiutarla a fuggire. Consapevoli che soltanto svelando il mistero del quadro avranno salva la vita, i due intraprendono allora un viaggio che li porterà da Napoli a Pisa, da Roma a Venezia, tra nobili e assassini, pericoli e agguati, complotti e tradimenti. E scopriranno che, nell'allegoria della Primavera, si nasconde un messaggio in codice che potrebbe cambiare il futuro dell'Italia...



Luciana Vetra è una ragazza giovane e sicura di sé. Da anni lavora come prostituta, il suo mestiere è l'unico che sappia fare e sì, le piace.
Non disdegna né marinai né nobili, purché disposti a pagarla.
La sua è una vita semplice e il lavoro che svolge l'ha costretta a crescere in fretta, adottando un gergo popolare senza troppi fronzoli.

In un giorno come un altro incontra Frate Guido, un giovane novizio che le consegna un volantino e la prega di redimersi e tornare sulla retta via.
Luciana, ovviamente, lo manda a quel paese. Lei ama il suo lavoro, e non vuole cambiare.

Quando però si presenta l'occasione di posare per l'artista Botticelli nel quadro che poi passerà alla storia con il nome di "Primavera", di certo non può lasciarsela sfuggire, viste le monete che riceverà.
Cosa alquanto errata, perché di soldi non ne vedrà neppure uno. 
Offesa e adirata per il comportamento di Botticelli, Luciana ruba lo schizzo preparatorio del quadro, lo infila nel corsetto e se ne torna a casa.
Ecco: da qui avranno inizio tutti i suoi problemi.

Per la prima volta capii: la pittura era alchimia. Artisti come Botticelli, con le colle, i gessi e le vernici, i pigmenti che brillavano nei barattoli e le bottiglie e gli alambicchi, erano fratelli di quegli speziali che creavano l'oro dal nulla. 

Il quadro, infatti, nasconde un terribile segreto, e rubando quel foglio la giovane si ritrova uno spietato assassino alle calcagna, e l'unico che può aiutarla è Frate Guido.
Coinvolgendo anche lui nel mistero, i due si ritroveranno a dover decifrare ogni indizio presente nel quadro, e a girare le più importanti città d'Italia per svelare ciò che si trova dietro il dipinto, in una corsa contro il tempo e le loro vite perennemente in pericolo.

Marina Fiorato ricostruisce una Firenze magica e allo stesso tempo spietata, così come una Napoli caotica e affascinante, una potente Venezia e tante altre città che furono punti focali nella fondazione del nostro paese.
Il linguaggio di Luciana è perfetto: un po' volgare, certo, ma era così che parlavano all'epoca, ed essendo una prostituta non avrebbe potuto essere diversa.
Ho amato il suo carattere spregiudicato, sincero e schietto che, dietro una facciata di estrema sicurezza in sé stessa, in realtà nasconde una grande voglia di essere amata e trovare le proprie origini.
Insomma, è proprio difficile non affezionarsi a lei.
Stessa cosa per Guido, uomo affascinante e coraggioso, dai modi gentili e altruisti.


Da ammirare c'è anche la grande maestria con cui l'autrice mette insieme ogni pezzo e particolare del dipinto per dare forma a una storia incredibilmente reale, con una ricostruzione storica di usi e costumi a dir poco eccellenti.
A tutto questo si aggiungono le trasformazioni emotive che avvengono nei due protagonisti: Guido, nobile di origine, si troverà a fare i conti con la sua fede, mentre Luciana comprenderà che sesso e amore sono due cose ben diverse, e che sarebbe pronta a rinunciare a tutti gli uomini del mondo solo per avere Lui.

A voler esser del tutto onesta, il fuoco che davvero mi scaldava il cuore era il ricordo del bacio con fratello Guido. 
In quel momento, anche se in punto di morte, ero stata felice come mai nella vita: lui non apparteneva del tutto a Dio, non ancora almeno; avevo motivo di sperare. 
Fu allora che capii cosa significasse desiderare un solo uomo e non altri. Non sto dicendo che non mi fosse mai piaciuto il mio lavoro - e che diamine, una bella scopata era sempre una bella scopata-, ma nessuno mi aveva mai preso il cuore.
All'alba di quel giorno, avevo pensato che il cuore mi si sarebbe fermato per sempre, mentre in realtà non aveva mai battuto davvero, non fino a quel momento. 
 
 "La ladra della Primavera" è un'incredibile avventura che si colora di rosa, ma che mette al primo posto uno dei quadri più conosciuti al mondo, con i suoi lugubri misteri e ipotesi, tra antiche città che si tingono di efferati omicidi, povertà, ricchezza, prostituzione, crudeltà e un'icredibile bellezza.


 Voto: 3/4 Molto bello
 

 



24 commenti:

  1. Lo ho da parecchio tempo. Pare proprio che debba decidermi a leggerlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Laura!! Visto che già ce l'hai devi prpprio approffitarne al più presto! ;)
      A presto! ^_^

      Elimina
  2. Ciao Jasmine,
    catapultarsi in un romanzo storico è sempre qualcosa di molto bello. Trovo bello questo genere di libri quando scritti bene e dalla trama ben fatta, questo libro di cui parli sembra davvero molto bello e anche se la mia lista è infinita lo devo aggiungere sicuramente.
    ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao susy! Guarda, per come è costruito e scritto questo libro, è davvero una gran perla. Le soluzioni dell'enigma si incastrano alla perfezione sin nei minimi dettagli, la scrittura è fluida e coinvolgente e i personaggi tutti ben descritti e caratterizzati!
      Un libro da non perdere insomma! ;)

      Elimina
  3. Ciao Jasmine, eccoci qui! Il romanzo storico non è tra i miei preferiti anche se questo che hai letto tu sembra molto interessante. Il fatto che poi siano coinvolte opere d'arte mi piace molto. Adoro quando il reale sconfina in un romanzo. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ophelie!!
      Qui il reale sconfina nel romanzo, ma rimane intriso di un'incredibile realtà.
      Si sono fatte moltissime congetture su ciò che possa racchiudere la Primavera di Botticelli, l'autrice si è informata a fondo su tutte le ipotesi, e le sue teorie sono realmente possibili!
      Lo consiglierei anche ai non amanti del genere storico perché gli enigmi da risolvere sono davvero molto coinvolgenti! :)

      Elimina
  4. Ciao Jasmine ❤️ Wow che libro interessantissimo*_* me lo segno immediatamente, sono sicura che mi piacera' ^_^ la tua recensione mi ha letteramente travolta ❤️ Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ely!! Ne sono felice! :) ultimamente ho difficoltà a scrivere recensioni che mi soddisfino. :(
      Se lo leggerai non vedo l'ora di vedere un tuo parere!! :D
      Un abbraccio!

      Elimina
  5. Ciao Jasmine, ho visto più volte in libreria questo romanzo, sembra molto coinvolgente, anche se non sono un'amante dei romanzi storici. Chissà, magari prima o poi lo leggerò! Comunque ho letto "La gemma di Siena" qualche anno fa e ricordo che mi era piaciuto, anche per tutte le curiosità legate al palio :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ariel!
      Io voglio proprio leggere la gemma di Siena!
      Sono rimasta davvero colpita da questa autrice! Dopo philippa gregory, altra grande autrice di storici, questa la segue senza ripensamenti! :)

      Elimina
  6. É sicuramente una coincidenza, ma di questo romanzo ne parlavo proprio l'altra sera con una mia amica. É il genere di lettura che languisce nella mia wish list da un mucchio di tempo. Eppure la tua recensione é stata come un segno, e se lo troverò in digitale lo leggerò :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gresi! Ma dai! Non ci posso credere!! Questo è un segno del destino!
      Devi proprio leggerlo!! :D
      Un bacione!!

      Elimina
  7. ciao! io amo il genere storico, è tra i miei generi preferiti e da come lo hai descritto mi tante molto, solo che ho troppi libri comprati ancora non letti! ma anche tu accumuli libri e per mancanza di tempo li lasci sul comodino? ^_^

    http://recensioni-acquisti.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gaia!!
      Se accumulo libri?? Guarda, nella mia libreria ce ne sono all'incirca 30 che devo ancora leggere, più altrettanti sul mio kindle, eppure quando vado in biblioteca esco con minimo 3 libri alla volta!!
      Io adoro vedere le pile di libri sui comodini, ma detesto leggere più di un libro contemporanemente, e poi la mia gattina adora rosicchiare gli angoli dei libri, quindi devo riporli nel cassetto o comunque fuori dalla sua portata!!! :D :D
      Passo volentieri a visitare il tuo blog! ^_^

      Elimina
  8. Appena ho letto la sinossi e il mio occhio è caduto sulla copertina, ne sono stata conquistata! Poi ho scoperto di averlo sul Kobo e quindi che dici, mi butto? Dopo la tua recensione non posso non farlo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara!! È già sul tuo kobo?? No.. In questo caso TI ORDINO di leggerlo!! Hahahahah! :D scherzo ovviamente, ma se c'è l'hai ti consiglio di approfittarne al più presto!!
      Un abbraccio! :)

      Elimina
  9. Amo i romanzi storici, sopratutto se parlano di misteri, come il Codice da Vinci.
    Questo sembra particolarmente bello. Non l'ho mai sentito nominare né visto da qualche parte ma a questo punto devo per forza segnarmelo perchè anche io è da un po' che non faccio letture simili e mi mancano!!!
    Grazie cara Jasmine della tua recensione e della segnalazione ❤️

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nik! In effetti è un po' strano che non se ne sia parlato... È anche vero che è datato 2012 e all'epoca non ero sempre su internet a controllare le nuove uscite, quindi non so se se ne fosse parlato.
      Ma se ami gli storici non devi perdertelo! Sono sicura che ti piacerebbe!! :) :)

      Elimina
  10. Wow, non conoscevo affato questo romanzo e devo dire che la tua recensione mi ha davvero entusiasmato! Lo metto on WL!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Jessica!! Ne sono molto felice!!
      Un bacione!! :)

      Elimina
  11. Ciao Jasmine, son davvero felice di aver trovato il tuo blog! È molto curato ed armonioso.. mi sono iscritta fra i lettori fissi! :)

    Questa tua recensione mi ha fatta davvero emozionare. Credo che aggiungerò velocemente questo fantastico libro nella mia WL ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mjchela!! Benvenuta! :D :D
      Sono felice che la recensione ti sia piaciuta! è davvero un libro fantastico!! ;)
      Un abbraccio

      Elimina
  12. Molto bello questo post, una trama molto carina, che prenderò in considerazione per le mie letture future!
    Passa da ma se ti va!Mi fa sempre piacere incontrare nuove blogger con cui condividere la mia passione <3
    https://enchantedbybooksblog.wordpress.com/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Arianna!! SOno contenta che la trama ti piaccia!
      Passo subito a trovarti! ;)

      Elimina

Questo blog vive grazie a voi lettori, che seguite e leggete i miei post.
Lasciate un commento e mi renderete felice! :)