sabato 17 settembre 2016

Recensione: E se... - di Eliana Ciccopiedi

Buon sabato cari lettori!
Oggi il sole è tornato e l'autunno è di nuovo lontano!!
Per la seconda volta in una settimana vi propongo la recensione di un libro che nasce dalla penna di una nuova autrice, che mi ha gentilmente inviato il suo libro!
Una storia fresca e dolce, che vi farà divertire e sognare. :)



TRAMA
Elena è un architetto mancato che organizza matrimoni. L'architettura non paga al giorno d'oggi, e lei si è riciclata nel mestiere della wedding planner, che va per la maggiore. In realtà, non crede nel matrimonio. Ma sta con la stessa persona da dieci anni. La storia si apre con lei che assiste ad un musical di grande successo.
Elena è rimasta stregata. Dallo spettacolo, e da due occhi visti su quel palco, occhi intensi e colmi di follia. Gli occhi di Leonardo, uno degli interpreti. Lui non è nel migliore periodo della sua vita. La carriera è alle stelle, ma ha perso anche tanto.
Elena, sognatrice disillusa, su un treno per Firenze incontra per caso il suo idolo del momento. Lei ha tanto da dire, perché è in un periodo di trascuratezza, il fidanzato sempre meno presente, la vita che non è andata come doveva andare, e lui ha bisogno di ascoltare, per rimanere nel mondo reale e non cadere tra i ricordi di chi ha perduto. Un mix di circostanze e intenzioni farà passare loro del tempo insieme, tra palcoscenici e matrimoni, tra città e monumenti, e i due scopriranno molte affinità. E questo potrebbe far pensare al lieto fine. Non fosse per un particolare di una certa rilevanza.
E se... con discorsi più e meno seri, ma anche risate e scene divertenti, è un romance adatto a tutte le donne che fanno ancora sogni ad occhi aperti.


Il teatro, palcoscenico di grandi opere teatrali e magiche atmosfere, è da sempre un'intrattenimento a cui Elena non sa resistere.
Lo adora, e da qualche settimana lo frequenta assiduamente solo per vedere un musical in particolare: uno di quelli che ti rubano il cuore, da cui non puoi fare a meno di staccare gli occhi.
Tra gli attori ne spicca uno in particole: un uomo che si muove sul palco con estrema naturalezza. è il suo ambiente, la sua casa, e là sopra riesce a esprimere tutto sè stesso.

L'attore si chiama Leonardo, ed è apprezzato dal sesso femminile per la sua naturale bellezza, il sorriso affascinante e i modi gentili.
Di certo Elena non immagina che, per uno strano scherzo della sveglia che suona in ritardo, si ritroverà a dover prendere il treno per raggiungere la Toscana e davanti a lei, mentre è assorta nel suo libro preferito, incontra proprio Lui: l'attore che tanto l'aveva affascinata.
Elena inizia a parlarci quasi per caso, e mentre la loro conversazione si fa sempre più intensa e personale, il tempo passa e la destinazione arriva.
Ma tra loro non  ci sarà di certo un addio.

Mi è piaciuta molto la figura di Elena, una donna che è una continua contraddizione: fa la wedding planner, ama il suo lavoro, ma non il matrimonio; è fidanzata da dieci anni ma non crede nel "per sempre"; è diventata un architetto, ma avrebbe voluto fare l'archeologa.
Vive la vita con estrema leggerezza, ha il dono dell'ironia, è dolce e nasconde una vena romantica che cerca di celare inutilmente.
è anche una donna indipendente, che mette tutta se stessa per riuscire al meglio nel proprio lavoro.

Leonardo invece ha un carattere meno irruente, più introspettivo.
All'inizio la loro relazione è fortemente mentale. C'è attrazione tra i due, certo, ma l'innamoramento nasce da un confronto mentale, dalla condivisione di esperienze, dialoghi e confronti.
La realizzazione di ciò che avviene anche nella realtà.

Sicuramente il romanzo ha moltissimi dialoghi, e c'è un grosso particolare che mi ha impedito di godermi appieno il lieto fine, ma questo credo sia dovuto ad un pensiero esclusivamente personale. 
Ho invece apprezzato moltissimo la parte ambientata nel primo matrimonio, che mi ha fatto sorridere e rabbrividire davanti allo sconcertante vestito della sposa! :D

E se... è una storia che parla di un'amicizia che si trasforma pian piano in amore. é la ricerca (o conferma) della propria natura e il confronto con il dolore del lutto.
Ma soppratutto, è il desiderio di essere felici e di volere un lieto fine anche per se stessi.



Voto: 2/4 Bello











10 commenti:

  1. Ciao Jasmine,
    ho letto anch'io il libro di Eliana tempo e mi era piaciuto molto. E' una storia leggera ma dolce e tu hai centrato in pieno, secondo me, il personaggio di Elena che insieme a Leonardo formano una coppia molto bella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao SUsy!!
      Hai proprio ragione: dolce e leggera! ;) il mix perfetto :)

      Elimina
  2. Ciao Jasmine ❤️ Che bella la tua recensione, penso che leggeró a breve questo libro che mi ha sempre incuriosita moltissimo ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ely! Lo conoscevi già? Allora mi sa che è arrivato il momento di leggerlo! ;)
      Un abbraccio!

      Elimina
  3. Ciao Jasmine, non lo hai letto, lo hai divorato! Grazie per la bella recensione e per aver apprezzato la mia coontraddittoria protagonista. Lo so che quello che ti ha spiazzata di Leo è un elemento disturbatore della storia, ma io col tempo ho imparato a vedere le sfumature, le persone ne hanno tante, ed è bellissimo quando si impara a vederle, senza farsi influenzare dagli stereotipi. Grazie mille per la recensione, a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi ha fatto piacere leggere il tuo libro! :)
      diciamo che quella di Leonardo è una GROSSA sfumatura! Hahahahah :D
      Un abbraccio! :)

      Elimina
  4. Ora sono veramente curiosa! Se Leonardo è invece una Lea penso possa piacermi!
    ;-)
    Buona notte da Lea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una Lea? Chissà... Lascio libera interpretazione così vi incuriosisco ancora di più! :D

      Elimina
  5. Risposte
    1. Ciao chiara! È molto carina e fa pure ridere in certi punti! ;)

      Elimina

Questo blog vive grazie a voi lettori, che seguite e leggete i miei post.
Lasciate un commento e mi renderete felice! :)