giovedì 29 settembre 2016

Recensione: Ci proteggerà la neve - di Ruta Sepetys

Buongiorno cari lettori!
Questa mattina vi saluto con un libro semplicemte ME-RA-VI-GLIO-SO!!
Uno di quelli destinati a diventare un tutt'uno con la propria libreria!
Ringrazio quindi Francesca e Bianca della casa editrice Garzanti, che mi hanno fatto dono di una copia di questo magnifico romanzo.



TRAMA
Il vento solleva strati leggeri di fiocchi ghiacciati. Joana ha ventun anni e intorno a sé vede solo una distesa di neve. È fuggita dal suo paese, la Lituania. È fuggita da una colpa a cui non riesce a dare voce. Ma ora davanti a sé ha un nuovo nemico: è il 1945 e la Prussia è invasa dalla Russia. Non ha altra scelta che scappare verso l’unica salvezza possibile: una nave pronta a salpare verso un luogo sicuro. Eppure la costa è lontana chilometri. Chilometri fatti di sete e fame. E Joana non è sola. Accanto a lei ci sono altre anime in fuga, ognuna dal proprio incubo, in viaggio verso la stessa meta. Emilia, una ragazza polacca che a soli quindici anni aspetta un bambino, e Florian, un giovane prussiano che porta con sé il peso di un segreto inconfessabile. I due hanno bisogno di Joana. Perché lei non ha mai perso la speranza. Perché la guerra può radere al suolo intere città, ma non può annientare il coraggio e la voglia di vivere. È grazie a questa sua forza che Joana riesce ad aiutare Emilia nella gravidanza e a far breccia nel carattere chiuso e diffidente di Florian. I loro giorni e le loro notti hanno un’unica eco: sopravvivere. E quando la nave finalmente si intravede all’orizzonte, la paura vorrebbe riposare in un porto sicuro. Ma Joana sa che non si finisce mai di combattere per la propria vita, ed è pronta ad affrontare ogni ostacolo, ogni prova, ogni scherzo del destino. Finché guardando in alto vedrà un cielo infinito pieno di neve, saprà che quel candore le darà la forza per non arrendersi.



Ci sono libri che una volta letti non puoi più dimenticare. Storie che fanno commuovere, amare, sperare.
Anche in questo suo nuovo romanzo, Ruta Sepetys lascia spazio alla narrazione in prima persona. Quattro ragazzi, quattro storie che si alternano pagina dopo pagina.

Incontriamo Joana, giovane infermiera lituana che fugge dal suo paese a causa dell'invasione russa; Emilia, ragazzina Polacca, incinta, denigrata dalla Germania e braccata dalla Russia; Florian, prussiano, la cui grande abilità è copiare l'arte altrui sin nei minimi dettagli; Alfred, una recluta tedesca che si attiene scrupolosamente alla mentalità nazista.


Gli uccelli emisero strida rauche sopra di me, lanciando un avvertimento.
Conoscevo le leggende sugli uccelli. I gabbiani erano le anime dei soldati morti.
I gufi erano le anime delle donne. 
Le colombe erano le anime appena defunte delle ragazze nubili.
C'era un uccello per le anime di persone come me?

Joana ed Emilia sono in fuga verso un paese libero. Un paese in cui poter essere accolte e vivere in pace.
Florian medita una personale vendetta verso Hitler e il suo regime, e nello zaino che porta in spalla è racchiuso lo scopo del suo viaggio.
Alfred è un reietto che aspira al titolo di Eroe. Vorrebbe la gloria, essere riconosciuto per la persona importante che crede di essere, ma alla fine rimane un essere spregevole, adorante dei preconcetti hitleriani e del proprio ego.

I primi tre ragazzi avanzano nelle neve verso la sopravvivenza e si trovano a dover convivere con il gelo, la fatica, la fame e la sete.
Si sono lasciati alle spalle amici, familiari, sogni infranti, un'infanzia terminata bruscamente e sensi di colpa che attanagliano la loro coscienza.
La loro unica speranza è raggiungere le sponde del Mar Baltico e salire sulla Wilhelm Gustloff: una nave crociera adibita per l'evacuazione delle popolazioni tedesche, in cui poi conosceranno Alfred.

Ogni passo strascicato sulla neve è un passo verso un futuro migliore. Proseguire è l'unica alternativa possibile alla morte.
La nave è proprio lì che li aspetta: attende di poter portare in salvo più di 10.000 persone, anche se è stata costruita per alloggiarne 1400, le scialuppe di salvataggio sono circa 12, e i Russi sono sempre in agguato con i loro sommergibili.


Due nazioni in guerra avevano inghiottito la Polonia come bambine che litigano per una bambola. Una la prendeva per una gamba, l'altra per un braccio.
Tiravano così forte che un giorno la testa era saltata via.
I nazisti avevano mandato la nostra gente nei ghetti e nei campi di concentramento.
I sovietici avevano mandato la nostra gente nei gulag e in Siberia. 


Dopo aver letto "Avevano spento anche la luna", posso dire che Ruta Sepetys è una scrittrice che sa come smuovere la parte più profonda della coscienza umana.
Dal far parlare i protagonisti in prima persona, alle descrizioni concise ma potenti, le sue parole evocano un periodo della storia dalle mille sfumature.
Leggere un suo libro vuol dire accendere la luce in stanze che non immaginavamo neppure esistessero.

Con Florian, Joana ed Emilia, ho attraversato le distese di gelida neve, le immense lastre di ghiaccio sotto la contraerea russa che sparava all'impazzata, con lo stomaco che implorava un po' di cibo e un'immensa stanchezza.
Sono salita sulla Wilhelm Gustloff, ammassata come tonno in una scatoletta a migliaia di altre persone. Poi sono arrivati i siluri, e tutto è precipitato.
è nel caos e nel terrore dettato dal profumo della morte, che la gente perde il senno della ragione.
Si farebbe qualsiasi cosa pur di mettersi in salvo, anche calpesatare chiuque perda l'equilibrio e cada a terra.
Le parole scritte con l'inchiostro hanno il potere di evocare le urla, il terrore cieco e un istinto di sopravvivenza animalesco.
Eppure, nel mezzo di tutto questo, il lettore vede una luce: un gesto d'amore, puro e candido come una rosa bianca, che squarcia l'egoismo umano e dona speranza.


"Proprio quando pensi che questa guerra ti ha portato via ogni cosa che amavi, 
 incontri qualcuno e ti rendi conto che, chissà come, hai ancora molto da dare".


Leggere "Ci proteggerà la neve" vuol dire fare un viaggio nel tempo: tornare al 1945, in una parte d'Europa che avrebbe rivisto la pace solo cinquant'anni dopo; vuol dire guardare dentro le vite di milioni di persone che cercavano la salvezza, un posto in cui crescere i loro bambini lontano dagli orrori della guerra.
Vuol dire prendere consapevolezza di eventi di incredibile importanza ma, per qualche strano motivo, conosciuti da pochi.


La neve bianca copriva la scura verità, una tovaglia candida stirata su un tavolo graffiato, un lenzuolo pulito e inamidato su un materasso sporco.
La natura.
Era un'altra cosa che la guerra non sarebbe riuscita a portarmi via. 
I nazisti non potevano fermare il vento e la neve.
I russi non potevano prendere il sole e le stelle.


"Ci proteggerà la neve" non è solo un romanzo: è la testimonianza del dolore, della fatica, della perseveranza e disperazione di un'intero popolo che fugge da una guerra priva di logica.
Piangere è una prerogativa di questo libro: nessuno può restare insensibile alle vicende dei personaggi. Non potrete fare altro se non innamorarvi di Florian, Emilia e Joana, perchè sono tre ragazzi che lottano con tutto il proprio coraggio, ma senza dimenticare chi hanno dovuto lasciare e chi possono ancora aiutare.
Perchè ogni gesto di gentilezza, anche il più piccolo, può riportare le stelle nella notte più buia.


  
 Voto: 4/4 Stupendo
 








35 commenti:

  1. lo sto leggendo e ho quasi le lacrime dopo questa recensione, proprio toccante

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Chiara!! :)
      Onestamente il libro mi ha talmente toccato che ho fatto una fatica pazzesca a scrivere la recensione; non riuscivo a trovare parole abbastanza adatte per descrivere una storia così forte e struggente.
      Un abbraccio :)

      Elimina
  2. Io vorrei tanto leggerlo in lingua perchè la cover e il titoli originali sono stupendi :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Jessica! Non ho ancora avuto modo di guardare cover e titolo originale, ma a me piace comunque moltissimo quella scelta dalla garzanti! :)

      Elimina
  3. Wow, stupendo Jasmine *_* scegli sempre dei libri così belli *_* dal commento sopra di Jessica mi sono vista la cover originale che è davvero bellissima ma anche quella della garzanti ha il suo perché!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Jessica89!
      Questo libro non potevo lasciarmelo sfuggire! La copertina della garzanti ha un che di evocativo! Semplicemente adatta al tema del libro! :)

      Elimina
  4. Bellissima e toccante recensione *_* Ho adocchiato questo libro fin da subito e sono contenta di leggere un parere tanto positivo..non vedo l'ora di leggerlo *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria! Ti ringrazio! :)
      Se il libro ti ha invogliato sin da subito non puoi perdertelo! È una lettura semplicemente divina! :)

      Elimina
  5. Ciao Jasmine^^, meravigliosa questa recensione**. Si vede che questo libro ti è proprio piaciuto. Ps. La cover della Garzanti mi affascina parecchio u.u

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nicky! Ti ringrazio! :) :)
      Ho visto prima la cover originale e devo ammettere che questa della garzanti mi piace mille volte di più! L'altra è troppo cupa :(

      Elimina
  6. Complimenti Jasmine per la tua emozionante recensione. Questo è un libro che leggerò sicuramente a breve, la tua recensione è un motivo in più.
    Baci, Stefi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao stefi! Mi fa piacere ti sia piaciuta!!
      Non vedo l'ora di leggere un tuo parere, anche se sono già certa che questa storia ti conquisterà! :)
      Un abbraccio :)

      Elimina
  7. Jasmine ciao!
    Questo libro incuriosisce molto anche a me, infatti ce l'ho in ebook e presto devo leggerlo. Dalla tua recensone si capisce che è una storia profonda che tocca, proprio quelle che vale la pena di leggere.
    A presto e un abbraccione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Jasmine rieccomi!
      Non ci posso fare niente, lancio il pubblica commento e poi mi viene in mente che devo scrivere un'altra cosa, non lo faccio apposta te l'assicuro! Ma va be tanto ormai fai conto che è un unico commento, comuqnue sto tergiversando ti volevo dire che adoro questo nuovo header tipicamente autunnale, molto bello!

      Elimina
    2. Ciao susy!! Ormai il tuo nome è associato ai doppi commenti! Hahahahah :D :D
      Ma ti assicuro che mi fa piacere leggerli!!! Scrivi quanto vuoi!! :) :)
      Ti ringrazio per l'header: quello con le volpi mi aveva già stancato! :)
      Mi ricordavo infatti che avevi il libro in versione ebook.... Allora presto leggerò anche la tua recensione! :) non vedo l'ora!!
      Un abbraccio! <3

      Elimina
    3. Jasmine rieccomi! Come promesso ritorno qui ora che l'ho finito. Mi sono riletta per bene la tua recensione ed è davvero stupenda. Questo libro è stato davvero bello che è impossibile non tirare fuori parole bellissime per esprimere ciò che ci ha provocato. Alcune volte penso che sia anche difficile spiegare perchè, ma la tua recensione rende perfettamente l'ìdea.
      Un abbraccione!

      Elimina
    4. Ciao susy!! Devo andare a leggere la tua recensione allora! Sono promosa di sapere che effetto ti abbia fatto questo libro!! :D
      E Mi fa davvero piacere veder apprezzare così tanti la propria recensione! :) :)

      Elimina
  8. Ciao Jasmine, per prima cosa volevo dirti che la nuova grafica autunnale è veramente molto bella, anche se non amo molto l'autunno come stagione i suoi colori sono meravigliosi! La tua recensione è molto toccante ed emozionante: dopo aver letto "Avevano spento anche la luna" credo leggerò anche a questo, perchè questa scrittrice mi ha conquistata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ariel!! Mi fa piacere! :) Io adoro l'autunno!! :D :D
      Questa autrice è davvero bravissima! devo leggere anche il suo secondo libro e poi li avrò recuperati tutti! :)

      Elimina
  9. Complimenti per la bellissima recensione! Adoro la Sepetys, conosciuta con "Avevano spento anche la luna", e avevo adocchiato questo romanzo tra le uscite. Devo dire che leggerti mi ha convinta ancora di più, non vedo l'ora di affrontare anche questo intensa storia. Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna!!
      Se ti è piaciuto "Avevano spento anche la luna" non puoi lasciarti sfuggire questo!!
      Non ci sono parole per descrivere quanto bello sia stato questo libro! :)

      Elimina
  10. Ho letto con interesse la tua intensa recensione condividendo il piacere per questo romanzo che regala emozioni e riflessioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Aquila! Grazie per essere passata! :)
      è proprio bello condividere letture e pareri! ^_^

      Elimina
  11. La Sepetys è un'autrice fenomenale. Racconta storie di vita davvero struggenti che fanno commuovere e lasciano il segno. Come dimenticare Avevano spento anche la luna [letto sempre e solo grazie a te:)]?
    Sicuramente questo non sarà da meno ma ci sono altri libri della stessa autrice che voglio leggere prima!! Questo non me lo segno neanche perché ormai so che leggerò tutto di Ruta Sepetys!!!!! Smack<3

    RispondiElimina
  12. La Sepetys è un'autrice fenomenale. Racconta storie di vita davvero struggenti che fanno commuovere e lasciano il segno. Come dimenticare Avevano spento anche la luna [letto sempre e solo grazie a te:)]?
    Sicuramente questo non sarà da meno ma ci sono altri libri della stessa autrice che voglio leggere prima!! Questo non me lo segno neanche perché ormai so che leggerò tutto di Ruta Sepetys!!!!! Smack<3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nik!!! ne sono super felice!!! non vedo l'ora di leggere la tua recensione!!!
      della Sepetys so che ci sono solo tre libri.. "Avevano spento anche la luna", "Una stanza piena di sogni" e questo! :)

      Elimina
  13. Cara Jasmine mi hai emozionata dalla prima all'ultima parola, ho riletto due volte la tua così profonda recensione. Non posso e non voglio perdermi questo libro, era in wl ma non pensavo fosse così profondo e unico, devo assolutamente recuperare i libri di questa autrice spero il prima possibile ❤️ Complimentissimi Jasmine per questa recensione, e' davvero unica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Ely, così però mi fai luccicare gli occhi!!! :) :) l'hai letta davvero due volte?! Questo mi lusinga moltissimo!
      Spero riuscirai a recuperare i suoi libri! Non so come sia il secondo, ma il primo mi ha emozionato tantissimo!
      Un abbraccio ^_^

      Elimina
  14. Ciao cara Jasmine! Le grafiche del tuo blog sono sempre davvero molto belle: complimenti per la bravura e la scelta! :) Questo romanzo purtroppo non ho ancora avuto modo di leggerlo, così come Avevano spento anche la luna di cui ho letto pareri entusiastiche. Una certa curiosità c'è, non lo nascondo. E al momento non posso che farti nuovamente i miei complimeti per questa bellissima e toccante recensione :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gresi!!! :) :)
      Grazie mille!!!
      Avevano spento anche la luna è stato stupendo!
      Conoscendo i tuoi gusti letterali sono sicurissima che ti possa piacere!!! :) :)
      Un bacione!

      Elimina
  15. Ciao Jasmine! Complimenti per questa recensione bellissima, ho amato le citazioni che hai scelto di inserire e mi sono convinta che questo libro è da leggere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Avid!! Mi fa piacere che ti siano piaciute le citazioni!
      Penso che riescano a dare ancora più patos a questo romanzo! :)
      Un abbraccio! :)

      Elimina
  16. Ciao Jasmine, complimenti per questa meravigliosa recensione! ❤ L'ho letta davvero con molto interesse perché avevo già aggiunto in wislist il libro da qualche giorno e stavo proprio aspettando una bella recensione come la tua, che mi desse la giusta carica per iniziarlo! ❤

    Ps. Grazie per essere passata dal mio blog, ho ricambiato l'iscrizione con immenso piacere ❤

    Carmela,

    BOOKS IN KENSINGTON GARDENS

    RispondiElimina
  17. Ciao Jasmine, complimenti per questa meravigliosa recensione! ❤ L'ho letta davvero con molto interesse perché avevo già aggiunto in wislist il libro da qualche giorno e stavo proprio aspettando una bella recensione come la tua, che mi desse la giusta carica per iniziarlo! ❤

    Ps. Grazie per essere passata dal mio blog, ho ricambiato l'iscrizione con immenso piacere ❤

    Carmela,

    BOOKS IN KENSINGTON GARDENS

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Carmela!! Benvenuta e grazie per essere passata di qua! :)
      Mi fa piacere ti sia piaciuta la recensione...è un libro davvero intenso, più che consigliato! :)
      Un abbraccio!

      Elimina

Questo blog vive grazie a voi lettori, che seguite e leggete i miei post.
Lasciate un commento e mi renderete felice! :)