sabato 4 giugno 2016

Recensione: Ritorno a Riverton Manor - di Kate Morton

Buongiorno cari lettori! 
Dopo aver sbadatamente cancellato tutte le immagini del blog, e aver trascorso qualcosa come quattro ore a ripristinarle tutte (o quasi perchè ne spunta sempre una che manca), finalmente ho trovato il tempo per postare la recensione di un libro davvero meraviglioso, terminato in una settimana che, tra mille impegni, si è rivelata davvero esasperante!
Sto parlando di "Ritorno a Riverton Manor" di Kate Morton... una scrittrice che finora reputo una garanzia.

A voi la trama! ;)


Trama
Riverton Manor, Inghilterra 1924. È la festa di inaugurazione della sontuosa dimora degli Hartford, e il fragore di uno sparo si confonde con i botti dei fuochi d'artificio che illuminano il cielo. Il poeta Robert Hunter giace senza vita nei pressi del laghetto della tenuta, con la pistola ancora fumante in mano. È suicidio? Di sicuro è uno scandalo che scuote fin dalle fondamenta l'aristocratica casata, perché le uniche testimoni del fatto sono le sorelle Hannah ed Emmeline Hartford. Che da allora non si parleranno mai più. Inverno 1999. Sono passati più di settant'anni da quella notte, e la quasi centenaria Grace Bradley, nella casa di riposo in cui trascorre i suoi ultimi giorni, è convinta di essersi lasciata per sempre alle spalle i fantasmi del passato e i tristi ricordi. Ma una giovane regista americana, che vuole realizzare un film sulle sorelle Hartford e su quel misterioso suicidio, chiede la sua consulenza. Grace, infatti, oltre che testimone di tempi ormai remoti, è stata anche direttamente coinvolta nella vita della famiglia: cameriera personale di Hannah, fin da bambina aveva servito come domestica a Riverton Manor. Dapprima riluttante, accetta poi di collaborare e comincia a rievocare le vicende dei giovani Hartford, destinati a un'esistenza tanto fulgida quanto breve: il promettente David, partito giovanissimo per il fronte e mai più tornato; la sensuale e intelligente Hannah; la gaia e capricciosa Emmeline; e soprattutto l'enigmatico Robert Hunter, del quale entrambe le sorelle erano innamorate...

 La vera storia, o meglio il passato, non è mai così. Non è omogenea, nè lineare. 
Non possiede contorni definiti, bensì vaghi ed evanescenti, impenetrabili come lo spazio. 
E il quadro è sempre pronto a mutare: proprio quando credi di aver individuato un certo disegno, la prospettiva si ribalta ed emerge una visione alternativa, memorie a lungo dimenticate tornano alla luce.

Nella mia vita di appassionata lettrice ho appreso che, di tanto in tanto, capita di trovarsi dinnanzi a scrittori e scrittrici, la cui dote di intessere trame e personaggi attorno a misteri e segreti, è un dono straordinario.
In questo caso specifico Kate Morton è un'autrice di grande maestria, in grado di condurre il lettore in luoghi da cui non vorremmo mai uscire.
Riverton Manor è una grande tenuta che riposa tra le valli inglesi; un pilastro dell'aristocrazia, memoria di antiche usanze ormai dissoltesi nel tempo.
Tra i corridoi della servitù si respira ancora l'odore delle pietre centenarie con cui è stata costruita.
La grande biblioteca con la cupola di vetro è un focolaio di conoscenza, e balli e feste sono eventi suntuosi e oppulenti.

Lo sa bene Grace Bradley, un'aziana signora ormai prossima alla fine dei suoi anni, che desidera condividere il suo passato con il nipote Marcus.
Inizia così a raccontare del primo giorno in cui giunse a Riverton Manor: una ragazzina timida e impaurita che entra al servizio della famiglia Hartford in qualità di cameriera, nei primi anni del 1900.
Un compito di basso rango, che la relegherà nella parte inferiore della classe sociale, ma che le darà anche la possibilità di conoscere i fratelli Hartford, suoi coetanei.

Là, tra David, Hannah e Emmeline, Grace trova il suo posto nel mondo. Ama stare accanto alle due sorelle, le sente vicine a sè e con Hannah condivide un segreto che cambierà il loro futuro.
è attraverso i suoi occhi  che li vediamo crescere;  guardiamo David partire per il fronte della Prima guerra mondiale senza far mai più ritorno, osserviamo l'opulenza della nobile famiglia decadere poco a poco, e assistiamo alle infauste scelte di vita delle due giovani sorelle.

Hemmelin diventerà una civetta frivola, dedita alle feste e al divertimento.
Hannah, invece, sarà un animale in gabbia che anela ad una realizzazione professionae ed esistenziale che non raggiungerà mai; e Grace le sarà sempre accanto, sino alla fine.

Il destino non serba alcuna pietà per il cuore delle giovani ragazze, e senza volerlo Hannah ed Emmeline finiranno per innamorarsi dello stesso uomo: Robert Hunter, un poeta nel cui cuore imperversano i ricordi di una guerra che non l'ha mai abbandonato del tutto.

Mentre Grace assiste a scandali, scelte dense di sensi di colpa e relazioni pericolose, il secolo muta il suo corso, i suoi usi, tradizioni e mentalità.
La gente comune è stanca di servire l'aristocrazia, c'è più libertà di espressione, i modi cambiano e con essi gli stili di vita.
Le crinoline e i grembiuli da cameriera vanno via via svanendo, così come il possente maniero di Riverton Manor si vede abbandonare a se stesso.

Con estrama maestria, Kate Morton intesse una ragnatela di storie, segreti e incomprensioni, attorno a una grande casa di campagna, dove il terreno declina dolcemente sulle rive di un lago che sarà testimone del segreto più terribile di tutti.
Qualcosa che dividerà per sempre le sorelle Hartford, spezzerà l'amicizia tra Hannan e Grace, e costringerà quest'ultima a nascondere la verità agli occhi del mondo.

Come sempre, avendo letto anche gli altri libri precedenti a questo (Il giardino dei segreti e Una lontana follia), posso dire che Kate Morton è in grado di costruire le ambientazioni con aggraziata maestria. 
Che si parli di grandi case antiche o castelli, lei riuscirà comunque a farvi sentire l'odore della tappezzia, lo scricchiolio dei pavimenti in legno, il profumo dell'aria che permea gli ambienti.
E poi ci metterà un segreto. Qualcosa di oscuro e impensabile che non riuscirete a svelare sino alle ultime, struggenti pagine.
Allora chiuderete il libro con delicatezza, farete un sospiro, e nel profondo sentire già la mancanza di un luogo denso di mistero che, senza accorgervene, vi ha letteralmente stregato.



Valutazione finale: 3/4







27 commenti:

  1. Ciao Jasmine, bellissima recensione (come sempre, del resto!): non conoscevo questo romanzo nè la sua autrice, però mi incuriosisce sia per l'ambientazione sia per i misteri!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ariel! Ti ringrazio! ^_^
      In questo caso sono felice di avertela fatta conoscere!
      Le ambientazioni dei suoi libri hanno tutte un'atmosfera affascinante! ;)

      Elimina
  2. Ciao! Complimenti per la bella recensione, mi hai invogliata a leggere questo libro!! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alisya! Grazie!! :)
      Se lo leggerai allora aspetto di sapere cosa ne pensi! :D

      Elimina
  3. Ciao Jasmine! Apprezzo tantissimo la Morton ho letto due sue romanzi e mi è piaciuto tantissimo il suo modo di scrivere elegantemente! Questo mi manca ma lo recupererò di certo soprattutto dopo aver letto la tua recensione! Un abbraccio e buona domenica! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un'altra sua fan??!! che bello! :D
      Che romanzi hai letto?
      Concordo con te: lo stile della Morton è davvero elegante e appassionante! ;)
      Buona fine settimana anche a te! :)

      Elimina
    2. "Una lontana follia" e "Il giardino dei segreti" ^_^ belli davvero, anzi li vorrei rileggere! *_*

      Elimina
    3. Anch'io ho letto quelli!!
      Il giardino dei segreti resta il più bello, anche se il finale di una lontana follia mi ha fatto piangere :)

      Elimina
  4. Ciao carissima! Di quest'autrice mi ispira l'ultimo romanzo uscito, questo non lo conoscevo proprio, quindi grazie per questa scoperta =)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Avid! Il suo ultimo romanzo l'ho acquistato e ora aspetta il suo turno! ;)
      Ho però letto una recensione non molto positiva e questo mi fa un po' paura... temo di restarne delusa.
      Però è anche vero che voglio farmi un'idea tutta mia.. spero di riuscire a leggerlo presto! ;)

      Elimina
  5. Anche per me la Morton è una garanzia! Anzi, a dirla tutta, una delle mie scrittrici preferiti :) Attendo infatti di poter leggere, il prima possibile, il suo ultimo romanzo :P Ritorno a Riverton Manor è molto bello, ma, a mio avviso, Il giardino dei segreti ancora di più ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciaoooo!!! è anche la mia scrittrice preferita!! :D
      Hai proprio ragione: "il Giardino dei segreti" è imbattibile!!! ;) ^_^

      Elimina
  6. Da leggere!! Buona serata e grazie della recenzione, Mariuccia

    RispondiElimina
  7. Buondì Jasmine ti ho taggata qui http://ilregnodeilibri.blogspot.it/2016/06/book-tag-02-la-vita-segreta-di-una.html ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara! Andrò a vedere di cosa si tratta! ;)

      Elimina
  8. Ciao Jasmine,
    oh che figuraccia, temo di essere l'unica a non conoscere questa autrice :-( Però, meglio così adesso la conosco e la terrò presente :)
    I romanzi storici scritti bene mi ispirano sempre molto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusa il doppio commento, prima mi sono dimenticata. Le immagini ci sono tutte, quindi allarma scampato. Anche a me è capitato di fare pasticci col blog, l'importante è saper rimediare e tu ci sei riuscita ;)

      Elimina
    2. Ciao Susy!! ma non ti preoccupare!! si è sempre in tempo per recuperare le letture!! ;)
      Grazie per avermi avvista delle immagini! ;)
      Avevo notato che sul mio pc si vedevano, ma sul cellulare o altri computer no... poi a volte scomparivano anche sul mio un giorno si e un giorno no.
      In pratica ho passato il week end a ripristinarle tutte.. una noia mortale!!!
      Non metterò mai più mano a Picasa web!!

      Elimina
  9. Bellissima recensione. Questo linbro mi era piaciuto molto e ora voglio leggere Il giardino dei segreti che sembra essere bellissimo.
    un saluto da Lea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lea! Ti ringrazio! :)
      l'hai letto anche tu?!! che bello!!
      Non puoi decisamente perderti "il giardino dei segreti"!
      Davvero consigliato!! :) :)

      Elimina
  10. Ho letto e amato il giardino dei segreti, ho anche gli altri, li leggerò, devo. Questo mi manca ma il titolo mi intriga e dopo aver letto la tua recensione sono più che convinta a volerlo fare. Possiedo l'ebook, ma vorrei recuperare il cartaceo, la Morton è una garanzia e dindi sono sempre spesi bene😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao carissima!! Ti consiglio di leggerli tutti perché sono davvero stupendi!
      Io devo recuperare "l'ombra del silenzio" e l'ultimo che è uscito, che ho già acquistato. Piano piano rimedierò anch'io! :D

      Elimina
  11. Fantastico romanzo!! Non l'ho letto ma dalla tua recensione ho capito che l'adorerò. Hai saputo, come al solito, descrivere in modo impeccabile l'anima del libro. Non conosco l'autrice ma devo assolutamente leggerlo! So che non me ne pentirò^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nik!!
      Mi fa piacere che ti sia piaciuta la recensione!!
      Se lo leggi poi fammi sapere cosa ne pensi!! ;)
      Un abbraccio!! ^_^

      Elimina
  12. Mi piacciono moltissimo i libri di Kate Norton. Ho appena comprato "I segreti della casa sul lago" e non vedo l'ora di iniziarlo.
    Buona serata!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao!! :D
      L'ho acquistato anch'io e ora è in bella mostra sulla mia libreria!
      Ho sentito che non è all'altezza dei suoi precedenti però! :(
      Speriamo bene!!

      Elimina

Questo blog vive grazie a voi lettori, che seguite e leggete i miei post.
Lasciate un commento e mi renderete felice! :)