lunedì 1 febbraio 2016

Recensione: La ragazza del treno - di Paula Hawkins

Buongiorno cari lettori!
Anche questa volta vi posto la mia opinione riguardo un thriller.
Un romanzo particolare, perché per un sacco di tempo è rimasto in testa alle classifiche dei libri più venduti.
Di chi sto parlando? De "La ragazza del treno" di Paula Hawkins.
Avevo visto le opinioni che i lettori hanno scritto su altri siti (tipo IBSN), e la maggior parte di loro da una o tre stelle al libro. Una delusione... e allora perchè è stato il più venduto?
Me lo sono chiesto, e ho voluto confutare se il libro meritasse o no di essere letto.
Ahimè, non è stato coinvolgente, e solo nelle ultime 25 pagine assume i risvolti di un vero thriller.
In poche parole una delusione. Ma procediamo così vi spiego i motivi...




Trama
La vita di Rachel non è di quelle che vorresti spiare. Vive sola, non ha amici, e ogni mattina prende lo stesso treno, che la porta dalla periferia di Londra al suo grigio lavoro in città. Quel viaggio sempre uguale è il momento preferito della sua giornata. Seduta accanto al finestrino, può osservare, non vista, le case e le strade che scorrono fuori e, quando il treno si ferma puntualmente a uno stop, può spiare una coppia, un uomo e una donna senza nome che ogni mattina fanno colazione in veranda. Un appuntamento cui Rachel, nella sua solitudine, si è affezionata.
Li osserva, immagina le loro vite, ha perfino dato loro un nome: per lei, sono Jess e Jason, la coppia perfetta dalla vita perfetta. Non come la sua. Ma una mattina Rachel, su quella veranda, vede qualcosa che non dovrebbe vedere. E da quel momento per lei cambia tutto. La rassicurante invenzione di Jess e Jason si sgretola, e la sua stessa vita diventerà inestricabilmente legata a quella della coppia. Ma che cos'ha visto davvero Rachel? 




"I buchi della vita non si chiudono più.
Devi crescere intorno a loro, come le radici che affondano nel cemento, e devi rimodellarti intorno alle crepe."
  


Parto dal dirvi che il romanzo è narrato da tre punti di vista: Rachel, la protagonista, Anna, la ex amante di suo marito che ora ne è diventata la moglie e infine Megan, la donna che Rachel vede dal treno tutti i giorni e a cui ha dato il soprannome di Jess.
La vita di Rachel non è una bella vita. è triste, solitaria, angosciosa. A dire il vero Rachel non mi è piaciuta per niente. è una donna tremendamente fragile, incapace di staccarsi dalla bottiglia. Un'alcolista che non vuole, o non riesce a chiedere aiuto, e continua a ricascare nell'alcool. 
è incapace di dare un taglio netto al passato. Continua ad amare un uomo che le ha spezzato il cuore, l'ha umiliata, presa in giro e infine gettata come un vecchio straccio. Un uomo che in un momento delicato della sua vita, un momento di grande sofferenza, invece di starle accanto ha preferito volare verso altri lidi: tra le belle gambe di Anna.
Anna è la tipica amante priva di rimorsi. Ama gli incontri rischiosi con il suo amante, non si cura della sofferenza di Rachel. Anzi, le piace. Le piace sapere che lui sia in suo potere, che possa attirarlo tra le sue braccia quando più le piace. Che ogni attenzione sia rivolta esclusivamente a lei.
Soprattutto, ama il fatto di prendere il posto di un'altra donna, perchè la fa sentire bella e desiderata.
Megan invece è un'anima in pena. Cela un segreto che l'ha segnata nel profondo, è costantemente in cerca di qualcosa che non sa neppure lei cosa sia. Probabilmente un perdono che non arriverà mai, perchè è lei stessa a doversi perdonare.

Rachel percorre tutti i giorni la stessa strada in treno, vede Megan e il marito, immagina la loro vita idilliaca, da perenni piccioncini. Ma si sa: l'apparenza inganna, e non sempre ciò che vediamo in superficie è la realtà.
Sin quando Megan scompare. è uno spoiler, lo so, ma essendo un thriller una sparizione ci deve essere per forza!! ;)
Da qui parte l'intricato percorso di Rachel per scoprire che fine abbia fatto Megan, tra buchi di memoria che vanno e vengono a causa dell'alcool, e scoperte che sovvertono il puzzle che sta cercando di comporre.
Sino alla verità. E qui lo ammetto: verso i tre quarti del libro ero già arrivata a scoprire il colpevole.
In ogni caso nelle ultime pagine si sono susseguiti dei piccoli colpi di scena che mi hanno tenuta avvinghiata. 

Il problema di questo libro per me è stata l'angoscia che mi ha provocato. Vedere questa donna, Rachel, che fa un passo in avanti e due indietro mi ha spazientita non poco.
Non si può amarla. E questo mi è sembrano strano per me: in un modo o nell'altro nei libri che leggo c'è sempre un personaggio che mi intriga. Qui non ne ho trovato neppure uno.
Sono tutti dei casi patologici. Senza offesa....
Dopo tutte queste frasi deprimenti c'è una sola cosa positiva: un meritato lieto fine!

Ma sono curiosa di leggere anche altre opinioni. é stato un libro molto acquistato: qualcuno di voi l'ha letto?



Valutazione finale: 1/4





17 commenti:

  1. Ciao! ;) Personalmente non l'ho letto, ma ho letto diverse recensioni di blogger che la pensano esattamente come te! Quindi direi che passo .. D:

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Adele! :)
      Fai bene a passare!
      Ci sono molti altri thriller decisamente migliori di questo!

      Elimina
  2. Di questo libro è stata fatta molto pubblicità e sinceramente quando è così alla fine non va mai bene (a parte delle eccezioni). Non l'ho letto però alla fine ho sempre dato la precedenza ad altre letture e dopo aver letto la tua recensione devo dire che a questo punto continuerò a dare la precedenza ad altro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho notato che spesso le case editrici "decidono" di far sì che un libro dovrà essere reputato il thriller, romanzo erotico o sentimentale dell'anno.
      E questo a prescindere se meriti o no tale privilegio.
      Di questo romanzo ad un certo punto facevano anche lo spot in tv....Poi si leggono le recensioni ed è un flop... boh... i misteri delle case editrici :(

      Elimina
  3. Ciao! Questo libro ha riscosso molto successo all'estero, ma noto che qui da noi i pareri sono più o meno sulla tua linea d'onda e a me passa la voglia di leggerlo xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Avid!
      Anche qui da noi ha riscosso un grande successo.. per più di un mese è stato al primo posto sugli scaffali di librerie e supermercati, ma a mio parere un thriller che si dimostra tale solo nelle ultime 25 pagine, per gli amanti del genere è meglio non acquistarlo e passare ad altro! ;)
      "La gemella sbagliata" che ho letto e recensito un paio di settimane fa, è un capolavoro in confronto!

      Elimina
  4. In effetti La ragazza del treno è stato molto pubblicizzato e spesso paragonato a sproposito ad altri thriller, ma io l'ho trovato comunque una lettura piacevole anche se non molto originale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho trovato originale il fatto del treno, e che sia una specie di punto focale nella storia, ma la costruzione fatta intorno poteva essere studiata in maniera più coinvolgente secondo me

      Elimina
  5. Ciao! Anch'io non l'ho letto, e dopo aver letto la tua recensione penso passerò anch'io XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. He sì.. ci sono tanti altri libri che meritano moooolto più di questo! ;)

      Elimina
    2. Se non l'hai letto non ti perdi nulla! ;)

      Elimina
  6. Anch'io sono rimasta un po' delusa dalla lettura di questo romanzo: non posso dire che non mi sia piaciuto, alla fine mi aveva anche preso, però, una volta chiusa la quarta di copertina mi sono accorta che nel complesso la storia era molto banale e che non era così difficile capire chi fosse l'assassino!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è sempre bello trovare altri lettori con con cui condiviere il parere di un libro!! :)
      La storia va avanti veloce, questo è vero e sicuramente un buon punto per la scrittrice... però alla fine, come dici tu, ci si rende conto che la storia è banale e l'assassino è troppo facile da individuare.
      Le ultime 20 pagine sono state le più coinvolgenti... il resto si legge velocemente ma non c'è la suspence che cercavo in un thriller

      Elimina
  7. Diciamo che la tua recensione non fa una piega. All'inizio anche io ero disgustata dal triangolo Raachel, Tom, Anna. Ma più la lettura procedeva, più Rachel si migliorava e questo me l'ha fatta piacere di più. Però capisco la tua visione. La tua recensione è stata precisa e coerente! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nik! Ti ringrazio..
      purtroppo io non ho visto questo miglioramento da parte di Rachel... tutte le volte che pensavo:"Ok, adesso smette di bere e si ripiglia", giravo pagina e voilà. C'era ricascata.
      Ad un certo punto ero talmente esasperata che ho pensato che come personaggio poteva anche morire, tanto non c'erano speranze per lei. :(
      Eh, lo so... sono un pochino drastica!! ahahahah :D :D :D

      Elimina
  8. Ho letto questo libro assieme a un'altra blog ed entrambe gli abbiamo assegnato un voto negativo.
    Tante aspettative e zero risultati

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pienamente d'accordo con me insomma! 😁
      Ora è uscito un'altro libro della stessa autrice ma non mi farò fregate di nuovo! Meglio starne alla larga! 😁😁

      Elimina

Questo blog vive grazie a voi lettori, che seguite e leggete i miei post.
Lasciate un commento e mi renderete felice! :)