martedì 23 febbraio 2016

Recensione: Il vangelo di Maria Maddalena - di Kathleen McGowan


"Questo è il nostro grido di guerra: la storia non è ciò che è accaduto. 
La storia è ciò che è stato scritto."

Un buon giorno a tutti i lettori che stanno passando per il mio blog e decidono di soffermarsi su questa recensione.
Oggi vi parlo di un romanzo che può sembrare controverso o troppo religioso... chissà quanti di voi passeranno oltre, e quanti, invece, vorranno sfogliare almeno la trama. Ebbene, vi consiglio di farlo perché questo libro merita davvero molto! 
Ho scoperto che tra l'altro fa parte di una trilogia che si compone come segue:

Vol. 1 Il Vangelo di Maria Maddalena
Vol. 2 Il libro dell'amore
Vol. 3 La stirpe di Maria Maddalena

Dunque: ho iniziato la lettura di questo romanzo con lo spirito applicato per "Il codice Da Vinci" di Dan Brown... per poi lasciarmi coinvolgere completamente da ciò che sprigionava pagina dopo pagina.
Un miscuglio di amore e nuove concezioni su cui riflettere e meditare, che mai avrei pensato mi sarebbe capitato di incontrare.
Il vangelo di Maria Maddalena mi ha davvero aperto il cuore.



Trama
Quando Maureen Paschal, giovane giornalista nota per le sue ricerche sulla figura di Maria Maddalena, riceve una lettera da Bérenger Sinclair, un nobile scozzese che la invita nel suo castello in Francia per rivelarle un segreto che la riguarda, non sa che si sta lanciando in un'avventura densa di misteri e di morte. Guardando una fotografia di Maureen, Sinclair ha riconosciuto l'anello che la donna ha al dito, donatole da un antiquario di Gerusalemme. Secondo la leggenda, solo "l'eletta" può portarlo, colei a cui è dato di scoprire i papiri segreti che Maria Maddalena ha portato con sé fuggendo dalla Galilea, e che ora sono nascosti in qualche luogo remoto della Linguadoca. Sono testi rivoluzionari, che molti hanno cercato invano di recuperare nel corso dei secoli e che raccontano del legame tra la Maddalena e Gesù e dei figli nati dalla loro unione. Ma Sinclair non è l'unico a interessarsi ai preziosi papiri. Anche una setta segreta, la temibile Corporazione dei Giusti, è disposta a tutto, persino all'omicidio, pur di impadronirsene. E quando Maureen troverà su una vecchia tomba un'incisione identica a quella del suo anello, la caccia si farà spietata.  


"Roger-Bernard amava ripetere che la luce più forte attira l'oscurità più profonda". 



Maureen è una donna all'apparenza come tante altre. Non spicca tra la folla. è una persona tranquilla, che ama immergersi nella storia e dare voce a tutte quelle donne che, nel corso dei secoli, non ne hanno avuta.
Difende chiunque sia stata calunniata dagli uomini per difendere il loro interessi. 
Parole che esse hanno pronunciato o forse no, e di cui poi gli uomini hanno rigirato il significato per trasformarle agli occhi della storia, come prostitute, mangiatrici di uomini, usurpatrici, assassine, regine dispotiche.
Inutile dire che ho amato la figura di Maureen dopo la seconda pagina del libro.
La storia, si sa, è stata scritta da uomini e vincitori. E ognuno di loro ha riportato soltanto ciò che più gli ha fatto comodo.

La protagonista del libro ha però qualcosa di speciale: da sempre ha delle visioni ambientate in Palestina, all'epoca di Gesù e dei suoi discepoli. Visioni che la condurranno in un tortuoso viaggio di vita con un significato profondo: in lei, come in tante altre persone, scorre il sangue della dinastia creatasi dall'amore tra Gesù Cristo e Maria Maddalena.
Non la prostituta che tutti conosciamo, bensì una ragazza di nobile famiglia, una principessa per l'esattezza, che fu data in sposa a colui che veniva chiamato il "Messia". Un uomo di cui molte profezie parlavano.

All'apparenza potrà sembrare tutto troppo immaginario, ma vi assicuro che a leggerlo non c'è nulla che non possa essere preso sul serio.

Solo alla fine, nella sezione "Note dell'autrice", Kathleen McGowan ammette che le informazioni riportate sul romanzo sono state carpite da associazioni segrete che ne hanno permesso la parziale divulgazione.
Credi  che vengono tramandati nei secoli solo tra il ristretto gruppo di adepti, che la Chiesa ovviamente non riconosce nè riconoscerà mai, e che hanno comunque costretto l'autrice a camuffarli come "romanzo" perchè le prove non potevano essere divulgate o più probabilmente, se anche lo fossero, la maggior parte della gente le additerebbe come fasulle.

Ma la storia del Vangelo di Maria Maddalena mi ha semplicemente incantata.
Non sono molto religiosa, e ho sempre rifiutato libri come la Bibbia o il Vangelo, perchè scritti da uomini che hanno riportato solo quello che faceva comodo a loro. (Questo è il mio pensiero ovviamente).
Qui invece c'è una descrizione completamente diversa della vita di Gesù. Dalle pagine di quello che si dice sia il Vangelo di sua moglie, l'immagine di Cristo è molto diversa da quella letta nei vangeli riconosciuti.
Qui è facile innamorarsi della figura di Gesù. Ciò che faceva, che predicava e insegnava è  qualcosa di unico.
Non saprei davvero come spiegare ciò che ora mi frulla per la testa.
Il Vangelo della Maddalena contiene un potere non indifferente: la scintilla d'amore che Cristo riservava anche alle donne, altrimenti ripudiate da altri apostoli (come Pietro ad esempio).

Tutta la storia come l'abbiamo sempre conosciuta è totalmente capovolta.
Salomè, la donna che volle la testa di Giovanni Battista, è completamente diversa da come è stata descritta. Lo stesso Giovanni non era un santo, perchè ripudiava donne, storpi e malati.

A volte penso: se tutto questo sapere venisse divulgato, se la gente sapesse... quanto diverso sarebbe il mondo!
E chissà quanti altri segreti sono rimasti seppelliti nelle pagine del tempo... quante cose importanti, quanti insegnamenti d'amore sono andati perduti per colpa di uomini che pensavano esclusivamente ai propri interessi.

Inutile dire che ho totalmente rivalutato la storia di Cristo e soprattutto della Maddalena.
Se avete voglia di leggere un romanzo che parla di scoperte, misteri, segreti e amore universale, leggetelo!
Non ve ne pentirete! 
Io intanto vado a comprare il seguito! 


"I peccati vengono perdonati a chi è pieno di amore. Ma se l'uomo più retto ha poco amore nel cuore, conoscerà scarso perdono."


Valutazione finale: 3/4
 




 

16 commenti:

  1. Premetto che avevo adocchiato questo romanzo perché adoro libri di questo genere, ricchi di mistero e di verità nascoste. Tuttavia ero un po' restia in quanto, molto spesso, appaiono libri che vogliono trattare argomenti storici facendolo in maniera alquanto discutibile! Ora, leggendo la tua recensione, che reputo molto accurata, mi hai fatto venire voglia di dargli una possibilità per cui mi accingo a fare una ricerca online per l'acquisto :)
    A presto, Anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Anna! Io credo che ogni libro che parla di storia possa essere discutibile, poiché l'autore riporterà sempre gli eventi storici come più si addicono alla trama che vuole raccontare...
      Quindi poi il lettore può condividerle o no.
      In questo caso specifico mi sono davvero innamorata di questa versione storica che riporta la scrittrice! :) e per questo consiglio con tutto il cuore di leggerlo!

      Elimina
  2. Molto interessante, a prima vista non lo avrei mai detto.
    Grazie per la dritta :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giuseppe!
      Che bello ritrovarti! Pensavo fossi sparito del tutto dal mondo dei Blog.
      Spero gli darai una possibilità! :)

      Elimina
    2. No no, ho chiuso il mio ma non voglio smettere di seguire i blog che mi piacciono di più.

      Elimina
  3. Molto interessante la trama. Io sono da sempre interessata al mistero del Graal e alle leggende a esso connesse. È simpatico vedere come l'individuo che la chiama in Francia abbia il nome di Bérenger Souniere, parroco di Rennes le Chateau...è sempre carino vedere simili citazioni.
    Tuttavia, prenderei con le pinze la "veridicità" di queste parole, nel senso che se qualcosa di vero ci fosse penso sia stato occultato e distrutto a tempo debito. Se solo ci fossero delle prove... questo cerco quando ricerco qualcosa, prove. Date, documenti... qualcosa di tangibile. Ciò non toglie che è una trama molto interessante e che lo metterò sicuramente in lista :D
    Grazie per la recensione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cinzia! Gira e rigira si va sempre a finire in Francia, con nomi che recano sempre gli stessi cognomi... Questo mi porta a pensare che in fondo ci debba essere una qualche verità...
      Poi, come dici tu, va preso tutto con le pinze.. Ci vogliono delle prove, eppure sono convinta che se esistessero, le prove che accertino verità così diverse da quelle sostenute per duemila anni non verranno mai svelate alla gente comune. Se così fosse religioni intere subirebbero una specie di tsunami!
      E poi, a volte fa bene all'anima credere anche a cose non divulgate, ma che nel profondo ci fanno stare bene :)

      Elimina
    2. Che qualcosa di nascosto ci sia credo sia palese... Ma non so cosa!
      Mi sono appassionata davvero a questo genere di misteri, ho cercato anche qualche riscontro in giro sul web sulla base di persone che avevano dette teorie al riguardo, a volte anche differenti dalla "Linea di sangue di Cristo". Ma purtroppo non ho ottenuto risposta. Sono a conoscenza di un volume che parlerebbe della Maddalena sbarcata in Francia e che parla dell'evento come una testimonianza e non come racconto medievale, ma trovarlo mi è impossibile xD
      Il bello di un mistero simile è che con ogni probabilità non riusciremo mai a provarlo ma non riusciremo mai a provare nemmeno il contrario.
      Comunque, piccola credenza personale, se un simile segreto fosse stato vero, fossi stata nella Chiesa lo avrei distrutto, così come ne avrei distrutto le prove dell'esistenza nel corso dei secoli. Per questo credo che, se mai ci sia un fondo di verità, non la si saprà mai... Come dici tu ci sarebbero ripercussioni troppo grandi!
      Se ti interessa il tema divertiti a ricercare gli scritti di Ugo Cortesi, sono interessanti e mostrano un'altra teoria, oltre a questa, in cui si parla del trafugamento del Corpo di Gesù e della sua "miracolosa" resurrezione, sono interessanti e sono file PDF brevi :)

      Elimina
    3. A me piace credere (nella mia infita speranza), che non tutto sia andato perduto o distrutto, ma che certi documenti siano ancora conservati in logge segrete, al sicuro da chi vuole annientare nuove verità.
      Ma alla fin fine il bello dei segreti è proprio il mistero che li circonda! :)
      Grazie per la dritta! Andrò a cercare gli scritti di Cortesi! :)
      Un abbraccio!

      Elimina
  4. Ciao carissima,
    in effetti il titolo può trarre in inganno poi però leggendo la trama si pensa ad altro e infine leggendo la tua recensione si pensa ancora ad altro. Questo per dire che ho cambiato idea tre volte :D
    Alla fine penso che sia una lettura interessante ed è sempre bello scoprire libri nuovi che poi possono piacere anche se non sembrava

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara susy, è sempre bello leggere i tuoi commenti ai miei post!
      Ti ho fatto cambiare idea tre volte, ma spero che alla fine il mio intento sia riuscito e che questo romanzo sia comparso sulla tua lista della prossime letture!
      Un abbraccio :)

      Elimina
  5. Continuo a pensare che dovrei fare un salto in biblioteca!
    Ciao
    Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si Laura! Devi deciderti a farci un giro! ;)

      Elimina
  6. Sembra davvero molto bello! Lo metto anch'io in lista :)

    RispondiElimina

Questo blog vive grazie a voi lettori, che seguite e leggete i miei post.
Lasciate un commento e mi renderete felice! :)