sabato 28 novembre 2015

Tag #2: L'inseparabile + Recensione "Le nebbie di Avalon" - di Marion Bradley Zimmer

Questa sera ho deciso di postare un post particolare...

Grazie all'iniziativa di Elisa del blog Book blogger a chi?, che troverete a questo indirizzo http://bookbloggerachi.blogspot.it/2015/11/linseparabile-come-partecipare.html ho deciso di partecipare, postando sul mio blog il mio libro "Inseparabile", ossia quello di cui non potrei mai fare a meno e che tutti (a mio parere) dovrebbero leggere.
Il romanzo da cui non potrei separarmi è "Le nebbie di Avalon", di Marion Bradley Zimmer.
 


Trama
Vi fu un’epoca in cui le porte tra i mondi fluttuavano con le nebbie e si aprivano al volere del viaggiatore. Di là dal regno del reale si schiudevano allora luoghi arcani, territori favolosi dove le più ammalianti creature parlavano lingue oggi sconosciute. Con l’andar del tempo, però, passare da una parte all’altra si fece sempre più difficile. 
Allora, come oggi, furono le donne a fare da mediatrici. Morgana, Igraine e Viviana conoscevano il modo per far schiudere le nebbie e penetrare nel magico regno di Avalon: come questo fosse, quali misteri racchiudesse, in che modo le Dame del Lago potessero influire sulle vite degli ardimentosi eroi della Tavola Rotonda è l’argomento di questo romanzo.




Penso che ormai quasi tutti abbiano sentito parlare di questo romanzo molto noto, anche perchè ne è stato tratto un film, un po' diverso dal romanzo ma che merita comunque di essere visto.

Le Nebbie di Avalon altri non è che la storia di Re Artù, Ginevra, Lancillotto e soprattutto Morgana, la sorellastra di Artù spesso descritta come strega malvagia.
Questo romanzo, però, non si limita a raccontaci la storia di questi incredibili personaggi così come siamo abituati a sentirla, ma si ripropone, invece, di scavare nella storia d'Inghilterra, tra leggenda e realtà, riportando sulla carta gli usi pagani di una terra in cui il cristianesimo si estendeva sempre più, marchiando tutto ciò che non era conforme al  loro credo, come falsi Dei e usi che andavo soppressi.


"Nelle ultime generazioni gli uomini avevano imparato a credere che esistessero un solo Dio, un solo mondo, un solo modo di descrivere la realtà, e che quanto era estraneo a quel mondo appartenesse ai diavoli, e che il suono delle campane tenesse lontano il male.... e più  era numerosa la gente che lo credeva, più  Avalon diventava un sogno alla deriva in un altro mondo quasi inaccessibile." 


In tutto questo si mescolano le storie un ragazzo destinato a diventare re, l'amore per una regina sterile divisa tra due uomini e la fata Morgana, così chiamata perchè seguiva il sentiero della Dea Madre.
In molti punti del libro la storia è incentrata proprio su Morgana: una ragazza destinata a servire gli Dei sulla celebre Isola di Avalon, di cui ne diventerà poi l'ultima Gran Sacerdotessa. Un'isola misteriosa, celata da una nebbia che solo le sue adepte possono aprire, e al di là della quale sono racchiusi arcani misteri.
Al contrario di com'è sempre stata dipinta Morgana, in questo romanzo il suo ritratto viene riportato alla luce con altri colori. Le sfumature di una donna forte, generosa e buona. Una donna costellata da mille dubbi, madre amorevole ma disposta a rinunciare a un figlio per ritrovare se stessa.
Una donna innamorata ma non ricambiata ma, soprattutto, padrona di se stessa, e che solo dopo un lungo cammino arriva a comprendere ciò che per tutta la vita aveva cercato.


"Il mio amore per te è  una preghiera. 
L'amore é  l'unica preghiera che conosco."


L'amore fraterno tra lei e Artù è un amore forte, ma i loro credi differenti li porteranno a doversi dividere.
Ho letto questo libro con foga, bevendomi ogni singolo dialogo, ogni introspezione dei personaggi. Ho amato Morgana come mi è capitato con pochi personaggi.
Ho seguito la passione proibita tra Ginevra e Lancillotto, e i sentimenti di contrastante fedeltà che entrambi provavano verso il loro amato re.
Re dedito al suo popolo, capace di grande pietà e perdono.
Un romanzo che consiglierei a chiunque ami le grandi leggende riviste in maniera estremamente reale e umana.
Perchè una volta che si ha letto questo libro, il racconto di Re Artù non appare più come una leggenda, ma come una storia vera, vissuta da persone vere, in cui il libero credo e usi antichi vennero schiacciati senza pietà da una religione più forte, relegandoli in un mondo tutt'ora quasi sconosciuto e a cui pochi hanno accesso.


Valutazione finale: 4/4 Stupendo
 










11 commenti:

  1. Ok leggerò questo libro. Credo di sapere anche come ottenerlo. Grazie per aver fatto una recensione, per un motivo o per un altro lo avevo sempre snobbato. Ma ora sono convinto, adoro certe ambientazioni e certe storie :)
    p.s.
    Credo di aver risolto quell'inconveniente, scusa se ho causato qualche pasticcio, e grazie per avermelo detto :)

    RispondiElimina
  2. Sono passata sul tuo blog ma il problema mi rimane sempre.. senza accaunt twitter non posso seguirti tramite mail :( che strana questa cosa :(
    Le nebbie di Avalon viene considerato un classico del fantasy, ma in realtà contiene molte più cose vere di quanto si pensi. Buona lettura! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sia mai che io ti crei simili problemi o perda una lettrice affezzionata.
      Prova ora, ho messo la funzione specifica ''Follow by Email''. Se non funziona avvisami, non avrò pace finchè non troverò una soluzone............. troppo drammatico?

      Elimina
    2. Un pochino drammatico, ma nella vita serve anche la drammaticità! ;)
      Grazie mille!! Ora funziona e sono riuscita ad iscrivermi!!! :) :)

      Elimina
    3. Allora sono a posto, io sono un dramma vivente XD
      Evvai! Se ci sono altri porblemi avvisami provvederò :) E grazie ancora per avermelo detto :)

      Elimina
    4. Se tu sei un dramma vivente allora andiamo a braccetto!!
      Grazie a te che hai sistemato il problema! Ci tenevo a restare aggiornata con le tue poesie! ;)

      Elimina
  3. Ottima scelta! E' un romanzo magico, sotto tutti i punti di vista...

    RispondiElimina
  4. Come non potevo inaugurare la visita nel tuo blog, leggendo e commentando questa bellissima recensione. Purtroppo i libri che continuano questa serie o sono introvabili o costano un paio di reni (e pensare che secoli fa li avevo tutti, ora mi son rimasti solo i primi due). Amo la figura di Morgana e la figura in questo caso della Dea Avaloniana.. mi ci ritrovo in ogni tua parola.

    RispondiElimina
  5. Grazie per essere passata a trovarmi e aver lasciato un commento! :) in effetti costano un po' x essere usciti anni fa.. Ma magari con le edizioni tascabili si risparmia...
    Io ho letto solo un altro libro sempre nel tema di avalon, ma sono comunque tutti libri a sé. Se vuoi leggerne altri ma non li trovi prova con internet oppure con la biblioteca. Non puoi tenerli ma con tutti quelli che ho letto il mio portafoglio mi ha ringraziato :)

    RispondiElimina
  6. Ciao Jasmine,
    questo è un libro che non ho mai letto ma che mi ha sempre incuriosito per i personaggi che ci sono. Ne ho taaanto sentito parlare e dopo aver letto la tua recensione (non capisco come ho fatto a perdermela) mi hai fatto venire voglia di aggiungerla alla lista

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Susy!!
      Ti ringrazio! ;) mi sa che l'hai persa perchè ancora non conoscevi il mio blog... è parecchio datata in effetti! :)
      Le Nebbie di Avalon è un libro che fa da pilastro alla leggenda di Re Artù.. non puoi perdertela!!!
      è un bel tomo da leggere, ma ne vale assolutamente la pena!! :) :)

      Elimina

Questo blog vive grazie a voi lettori, che seguite e leggete i miei post.
Lasciate un commento e mi renderete felice! :)